sabato 22 Gennaio 2022
0.4 C
Venezia

Botte a madre e fratellino per anni, arresto a Spinea per violenze in famiglia

HomeViolenze in famigliaBotte a madre e fratellino per anni, arresto a Spinea per violenze in famiglia

Mestre, finto tecnico dell'acqua porta via tutto ad anziana: gioielli e pensione appena ritirata
Botte a madre e fratellino, un uomo di 30 anni è stato arrestato a Spinea dai carabinieri dopo anni di vessazioni in famiglia. Calci e pugni, ma anche lancio di oggetti: le due vittime venivano offese, minacciate di morte e picchiate, fino ad avere avuto il viso gonfio e in alcuni casi tumefatto. Alla base di tutto c’era l’uso della droga.

P.A., 30 anni, residenti del Comune, è stato accusato di comportamenti violenti e vessatori nei confronti della madre sin dal 2016 e lunedì pomeriggio i militari della Stazione di Spinea l’hanno arrestato su ordinanza di custodia cautelare personale, per il reato di maltrattamenti aggravati e lesioni personali dolose aggravate, commesse nei confronti di familiari.

La madre veniva spesso umiliata, percossa e minacciata di morte dal figlio.

La stessa grave condotta il trentenne l’aveva anche con il fratello più giovane, alle soglie della maggiore età. Il minore non si fidava mai di lasciare la madre da sola in casa con il fratello più grande, per cercare di difenderla dalle ire dell’esagitato.

La violenza era dettata dall’uso di sostanze stupefacenti, tanto che l’unico periodo di pace per la donna e il figlio minore era stato nei mesi in cui l’uomo aveva intrapreso un periodo di disintossicazione in comunità.

Una volta rientrato tra le mura domestiche però, erano riprese le minacce di morte, condite da violenze: percosse anche gravi, con conseguenti lesioni e varie settimane di prognosi.

L’uomo sfogava la propria irrequietezza anche con il lancio di oggetti che trovava in casa, compresi coltelli e le frecce con l’arco, distruggendo mobili e soprammobili.

L’intervento dei Carabinieri è il culmine di un’indagine fulminea, applicando il “codice rosso” in tema di violenza domestica dopo la la denuncia delle due vittime nei giorni delle feste di Natale. Da qui i primi riscontri investigativi che hanno messo la parola fine ad una storia che si protraeva, purtroppo, da anni, nella vana speranza che potesse migliorare.

Le indagini dei Carabinieri infatti, hanno evidenziato che madre e fratello minore dell’uomo, almeno da fine 2016 venivano quotidianamente offesi e minacciati, nonché picchiati tanto da essere più volte ridotti con il viso gonfio e tumefatto.

E alla fine non ce l’hanno più fatta.

Terribile il quadro refertato dagli uomini dell’Arma, una storia di violenze divenute insostenibili, di paura, con centinaia di episodi sfociati in violenza e minaccia di morte.

Oltre ai calci e pugni sferrati senza motivo infatti, il violento era solito spaccare tutto ciò che trovava davanti, come i mobili. Rottura di porte e pensili della cucina, ma anche vetrate, piatti, bicchieri, tutto quello che capitava a tiro. Il trentenne era incapace di autocontrollo.

L’unica pausa avuta in questo periodo di paura è stato il periodo di pochi mesi nel corso dei quali l’uomo aveva accettato di sottoporsi ad una terapia di recupero dalla tossicodipendenza, ma poi tutto è tornato come prima e per tutto il 2019 questa soluzione è stata categoricamente rifiutata, portando ad uno stato di costrizione e ad un vero e proprio terrore domestico, sfociato nella presentazione della denuncia del fratello ai carabinieri.

L’indagine ha ricostruito anni di violenze con episodi e precisi riscontri, ma sono innumerevoli i fatti e le condotte riportate dall’uomo. L’Autorità Giudiziaria ha infine emesso il provvedimento restrittivo nei confronti di P.A, eseguito lunedì dai militari della Stazione di Spinea.

L’uomo, dopo le incombenze di rito, è stato accompagnato in carcere a Venezia in “codice rosso” per maltrattamenti in famiglia, aggravati poiché commessi alla presenza e contro un minore nonché per lesioni personali dolose, anche queste aggravate.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Venezia, San Zaccaria. La sorpresa all’imbarco: ignoti hanno defecato in vaporetto

Venezia, il degrado del comportamento delle persone ha toccato livelli mai raggiunti prima. Questa mattina un vaporetto ha attraccato al pontile di San Zaccaria, ma i viaggiatori che sono saliti a bordo hanno trovato una disgustosa sorpresa. Un passeggero si era appena...

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...