5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Borseggiatori e borseggi a Venezia, se ne parla ma non si sa come uscirne

HomedelinquenzaBorseggiatori e borseggi a Venezia, se ne parla ma non si sa come uscirne
la notizia dopo la pubblicità

borseggiatori a venezia a turisti ns

Basteranno i cartelli affissi nei mezzi pubblici e negli imbarcaderi a scoraggiare i borseggiatori, basteranno le scritte, come dovranno essere evidenziate, con quali caratteri, si useranno colori accesi a mo’ di semaforo e soprattutto saranno utili allo scopo di respingere i furti?

Il problema è stato trattato in Comune dalle commissioni competenti presiedute da Enrico Gavagnin e non sono mancati toni accesi tra l’Assessore ai Trasporti Renato Boraso e i rappresentanti del Movimento 5 Stelle, che rivendicano una politica più efficace, con specifici interventi, richiamati in una mirata interpellanza.

Quali parole usare per convincere i passeggeri a prestare attenzione alla borsa, a vigilare sulle loro cose? Come prevenire, sostanzialmente i furti e come favorire la comunicazione con vigili e forze dell’ordine, se necessario? I cittadini non distratti, si sa, fanno la loro parte, vigilano, osservano, riferiscono, ma, dicono i Cinque stelle, servono strumenti più efficaci sugli approdi e in aeroporto.

Sollecitano di ampliare la campagna del messaggio EnjoyRespectVenezia, con altri dispositivi a luminosità variabile intermittente, nei mezzi e nei pontili.
Potrebbe essere un deterrente per i borseggiatori, l’accerchiamento informativo e comunicativo, ma chissà se basta.

Forse si dovrebbero indagare le cause per meglio evitare gli effetti, capire chi è che ruba, perché, nessun cartello può evitare che avvengano gli scippi e quindi la polemica rischia di diventare un dialogo tra sordi rispetto una questione che richiede un’analisi approfondita della realtà in cui viviamo.

Realtà anche scomoda e spesso rimossa che certo non giustifica chi ruba, ma mette in evidenza due tre interrogativi? Si ruba per bisogno, per tendenza a delinquere? Per spregio verso gli altri? Si ruba perché in mezzo a folle di turisti, chi non ha niente coglie l’occasione che fa l’uomo ladro?

E quali parole usare, mettere nell’agenda della civiltà per convincere a non farlo? Ci vogliono più interventi polizieschi, più manette, più punizioni esemplari?
Le zone più colpite sono la Stazione ferroviaria, Piazzale Roma, Rialto e San Marco, gli approdi e l’interno dei mezzi acquei e automobilistici.

Spesso sono donne, ragazzini, quest’anno sono state fermate 82 persone e ne sono state arrestate 30, c’è chi dal Comune sollecita legittimità di espulsione per i borseggiatori stranieri, anche se il commissario Franzoi ha dichiarato che negli ultimi dieci anni il fenomeno è diminuito e i dati del Dipartimento del Ministero dell’Interno raccolti dal Sole 24 Ore, colloca al 19mo posto Venezia nella mappa italiana della criminalità.

Innegabile la realtà dei borseggi che richiede vigilanza personale e collettiva e ben vengano tutte quelle informazioni, quegli strumenti che il cittadino può utilizzare per essere vigile, per sapere come muoversi, cosa fare qualora se ne trovasse implicato, ma la realtà è sempre di più difficile lettura e forse attraversa ragioni che nessun cartello, nessun avvertimento possono raggiungere.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...