25.3 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Borseggiatori e borseggi a Venezia, se ne parla ma non si sa come uscirne

HomedelinquenzaBorseggiatori e borseggi a Venezia, se ne parla ma non si sa come uscirne

borseggiatori a venezia a turisti ns

Basteranno i cartelli affissi nei mezzi pubblici e negli imbarcaderi a scoraggiare i borseggiatori, basteranno le scritte, come dovranno essere evidenziate, con quali caratteri, si useranno colori accesi a mo’ di semaforo e soprattutto saranno utili allo scopo di respingere i furti?

Il problema è stato trattato in Comune dalle commissioni competenti presiedute da Enrico Gavagnin e non sono mancati toni accesi tra l’Assessore ai Trasporti Renato Boraso e i rappresentanti del Movimento 5 Stelle, che rivendicano una politica più efficace, con specifici interventi, richiamati in una mirata interpellanza.

Quali parole usare per convincere i passeggeri a prestare attenzione alla borsa, a vigilare sulle loro cose? Come prevenire, sostanzialmente i furti e come favorire la comunicazione con vigili e forze dell’ordine, se necessario? I cittadini non distratti, si sa, fanno la loro parte, vigilano, osservano, riferiscono, ma, dicono i Cinque stelle, servono strumenti più efficaci sugli approdi e in aeroporto.

Sollecitano di ampliare la campagna del messaggio EnjoyRespectVenezia, con altri dispositivi a luminosità variabile intermittente, nei mezzi e nei pontili.
Potrebbe essere un deterrente per i borseggiatori, l’accerchiamento informativo e comunicativo, ma chissà se basta.

Forse si dovrebbero indagare le cause per meglio evitare gli effetti, capire chi è che ruba, perché, nessun cartello può evitare che avvengano gli scippi e quindi la polemica rischia di diventare un dialogo tra sordi rispetto una questione che richiede un’analisi approfondita della realtà in cui viviamo.

Realtà anche scomoda e spesso rimossa che certo non giustifica chi ruba, ma mette in evidenza due tre interrogativi? Si ruba per bisogno, per tendenza a delinquere? Per spregio verso gli altri? Si ruba perché in mezzo a folle di turisti, chi non ha niente coglie l’occasione che fa l’uomo ladro?

E quali parole usare, mettere nell’agenda della civiltà per convincere a non farlo? Ci vogliono più interventi polizieschi, più manette, più punizioni esemplari?
Le zone più colpite sono la Stazione ferroviaria, Piazzale Roma, Rialto e San Marco, gli approdi e l’interno dei mezzi acquei e automobilistici.

Spesso sono donne, ragazzini, quest’anno sono state fermate 82 persone e ne sono state arrestate 30, c’è chi dal Comune sollecita legittimità di espulsione per i borseggiatori stranieri, anche se il commissario Franzoi ha dichiarato che negli ultimi dieci anni il fenomeno è diminuito e i dati del Dipartimento del Ministero dell’Interno raccolti dal Sole 24 Ore, colloca al 19mo posto Venezia nella mappa italiana della criminalità.

Innegabile la realtà dei borseggi che richiede vigilanza personale e collettiva e ben vengano tutte quelle informazioni, quegli strumenti che il cittadino può utilizzare per essere vigile, per sapere come muoversi, cosa fare qualora se ne trovasse implicato, ma la realtà è sempre di più difficile lettura e forse attraversa ragioni che nessun cartello, nessun avvertimento possono raggiungere.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.