7 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Boom di vaccinazioni antinfluenzali nel Veneto orientale

HomeVaccini e vaccinazioniBoom di vaccinazioni antinfluenzali nel Veneto orientale
la notizia dopo la pubblicità

In poco più di una settimana dall’avvio della campagna di vaccinazione, il 12 ottobre scorso, sono state somministrate oltre 30 mila dosi di vaccino in Veneto orientale, in particolare dai medici di medicina generale che hanno operato sia nei propri ambulatori che nei palazzetti dello sport e palestre messi a disposizione dalle amministrazioni comunali. Lo riferisce l’azienda sanitaria Ulss 4. L’esempio più eclatante è stato quello di Eraclea dove qualche giorno fa, al palazzetto dello sport di via Largon, in una sola mattinata sono stati vaccinati 550 ultra sessantenni su un totale di 2845 (sempre over 65) residenti in questo Comune.

La campagna vaccinale antinfluenzale, per Ulss 4, supererà molto probabilmente i livelli degli anni scorsi per quanto riguarda la copertura degli anziani, livelli che erano già tra i più elevati del Veneto. «Premesso che quest’anno la vaccinazione per l’influenza è vivamente consigliata per evitare una sovrapposizione con l’infezione da coronavirus – spiega il direttore del servizio Igiene e Sanità Pubblica dell’Ulss 4, Lorenzo Bulegato – abbiamo registrato una vera e propria corsa al vaccino. I motivi sono sostanzialmente tre: la voglia di proteggersi dall’influenza in tempi di pandemia, l’ottimo lavoro dei medici di famiglia che si sono subito attivati per vaccinare i propri assistiti, e la collaborazione delle amministrazioni comunali che hanno messo a disposizione ampi spazi per l’immunizzazione».

Le dosi acquistate per questa campagna di vaccinazione antinfluenzale sono circa 70 mila (22 mila in più dello scorso anno) che vengono fornite in due tranche. Completata la prima tranche di vaccini si procede ora verso la seconda e ultima fase fissata a inizio novembre, che andrà a completare tutte le richieste. Si ricorda che per vaccinarsi c’è tempo fino a fine anno. La somministrazione procederà sempre secondo criteri di priorità, quindi con precedenza alle persone fragili, anziani, personale dei servizi essenziali.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...