pubblicità
pubblicità
9.5 C
Venezia
martedì 13 Aprile 2021
HomeIl fattoBonus 600 euro, Serena: “Chiarezza anche a Ca’ Farsetti”

Bonus 600 euro, Serena: “Chiarezza anche a Ca’ Farsetti”

“Tutti i pubblici amministratori (che siano consiglieri o assessori ecc.) dovrebbero già dichiarare di aver percepito o meno il bonus in totale trasparenza, senza attendere le verifiche dei mass media o la pubblicazione degli elenchi dell’INPS” .

Parla così Ottavio Serena, consigliere comunale del Gruppo Misto e candidato alle prossime amministrative per “Terra e Acqua 2020”.

64 anni, ex-generale dei Carabinieri in pensione, Serena era stato eletto nel 2015 nella lista Brugnaro con delega all’anticorruzione, fuoriuscendo dalla maggioranza per divergenze con il sindaco. Dopo i recenti casi emersi in Parlamento e in Regione e vista la sua carica di consigliere comunale, gli abbiamo chiesto cosa pensa della richiesta del bonus anche dentro Ca’Farsetti:
“Ciò che chiedo è che vengano fatte le opportune verifiche in totale trasparenza anche nel Comune di Venezia”.

E i consiglieri che gestiscono un’attività?
“Tutti i consiglieri hanno una loro attività primaria – prosegue Serena – chi è avvocato, chi commercialista, chi possiede uno studio, chi è titolare di un’azienda. Per tutti loro la politica è un’‘attività affiancata’, ma ricordo che il Comune elargisce un gettone di presenza pari a 72 euro: guardando i dati del 2019 ci sono consiglieri che hanno assistito a 250 sedute per un totale di 18.000 euro lordi. Un importo che diventa a tutti gli effetti uno stipendio”.

Il “bonus-partita iva”, incluso nel decreto Cura Italia del 17 marzo, era destinato a liberi professionisti e a lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, inclusi i lavoratori del turismo e dello spettacolo. Il suo importo era di 600 euro per i mesi di marzo e aprile; da maggio la somma è aumentata a 1.000 euro a patto di aver subito una perdita di reddito del 33% nel secondo bimestre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019.

“Il fatto che persone percepiscano redditi di migliaia di euro dall’erario e che hanno solo chiesto il bonus dei 600 euro – conclude Serena – denota mancanza totale di rispetto e di responsabilità nei confronti di tutti quei cittadini che sono stati e sono ancora in difficoltà dovendo anche rinunciare ai primari bisogni a livello familiare”.

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
sponsor
spot