7.3 C
Venezia
domenica 24 Gennaio 2021

Bimbi in affido, risvolti raccapriccianti: bambina fatta scendere dall’auto sotto la pioggia: “Non ti voglio più”

Home Lo scandalo Bimbi in affido, risvolti raccapriccianti: bambina fatta scendere dall'auto sotto la pioggia: "Non ti voglio più"
sponsor

Bimbi in affido, risvolti raccapriccianti: bambina fatta scendere dall'auto sotto la pioggia: "Non ti voglio più"
‘Angeli e Demoni’, l’inchiesta sui bimbi in affido, sta facendo emergere ulteriori risvolti raccapriccianti. Una bambina è stata fatta scendere dall’auto sotto la pioggia: “Non ti voglio più” perchè non dichiarava quello che serviva all’aguzzina.

sponsor

Si tratta di una bambina che non capisce perché non può più vedere i genitori, martellata di frasi e domande per instillarle dubbi.
La stessa bimba sgridata perché non parla di abusi subiti – che non sarebbero mai avvenuti – e cacciata per punizione dall’auto dalla madre affidataria mentre fuori c’è un temporale.

commercial

Il quadro sui presunti affidi illeciti della Val d’Enza, il ‘caso Bibbiano’, descritto dall’inchiesta ‘Angeli e Demoni’ della Procura di Reggio Emilia si arricchisce di nuovi dettagli: gli audio delle intercettazioni di alcuni indagati.

Dopo le due professioniste che ridono di un maresciallo dei carabinieri con annesse minacce neanche tanto velate, ora ci sono gli aspri rimproveri di questa madre affidataria a una bimba tolta alla sua famiglia naturale. Con tanto di punizione sotto la pioggia. “Scendi, non ti voglio più. Io non ti voglio più, scendi, scendi!”, così grida la donna, indagata dalla Procura reggiana, in un’intercettazione ambientale mandata in onda dal TgR Emilia-Romagna in un servizio di Luca Ponzi.

La testimonianza audio amplifica la drammaticità di un episodio che era già emerso dalle carte dell’inchiesta.

I giudici descrivono di una bambina oggetto di vessazioni psicologiche del tutto gratuite, dettate dall’esigenza di denigrare i genitori naturali.

La piccola viene sbattuta fuori dall’auto in una giornata di pioggia del 20 novembre, come punizione per il fatto che non voleva ammettere di ‘pensare’ quello che la madre affidataria riteneva che Anna (nome di fantasia della bimba, ndr), stesse ‘pensando’.

La donna intima alla bambina di rivelare il male fattole dai genitori naturali. “Pensi che? – dice – Anna pensa che??? (urlando sempre di più, ndr) Daii! Quando mi vedi davanti al telefono Anna pensa che??? Dai dillo!!!” La bimba dice che non riesce a parlare con la donna e che ritiene di avere ragione.

A questo punto l’affidataria ferma la macchina e urla “Porca puttana… porca puttana vai da sola a piedi… porca puttana! Scendi! Scendi! Non ti voglio più”. Si sente aprire lo sportello e si sente lo scrosciare della pioggia. La donna continua: “Io non ti voglio più, scendi!”. La bimba appare impaurita e dice con voce tremolante: “Perché…”

C’è poi un altro audio mandato in onda. È la stessa donna che parla alla medesima bambina, ma stavolta le rimprovera di non mettere nero su bianco su un quaderno gli abusi che avrebbe subito in passato: “Tu non ci scrivi – dice – perché c’hai paura di scrivere, perché le cose che devi scrivere adesso sono talmente profonde che non ti va più di scriverci. Non ci vuoi neanche andare vicino”.
E dagli atti la conversazione prosegue, sempre urlando: “Anziché dire… io sono così perché mi è successo questo! Piuttosto che dare la colpa a quelli che ti hanno fatto male dai la colpa a quelli che ti vogliono bene!”. “Anziché dire sono stati loro (i genitori naturali, ndr) a farmi male no… sono Michela e Andrea (nomi di fantasia della coppia affidataria, ndr) che mi sgridano… troppo comodo”. Abusi che però, stando all’inchiesta, la piccola non avrebbe in realtà mai subito.

La bambina è infatti protagonista di un altro dialogo intercettato e citato nell’ordinanza per spiegare come i bambini venissero di fatto plagiati, in modo da formare false relazioni.

“Ma io non mi ricordo perché non li posso più vedere”, diceva la bambina nell’ottobre 2018. “Ma non ti ricordi che hai detto che (tuo padre, ndr) non lo volevi più rivedere? Io ricordo questo”, risponde una psicologa, indagata. Ma la bambina: “Non ho detto questo”. “Sì, hai detto che non volevi vederlo perché avevi paura che ti facesse del male”, le rispondeva l’affidataria.

L’inchiesta ha portato a fine giugno a 18 misure cautelari e si è concentrata su 6-7 casi e alcune figure chiave.

Uno scandalo diventato terreno di scontro politico perché tra gli indagati, ora ai domiciliari, c’è anche il sindaco Pd di Bibbiano, Andrea Carletti, accusato di abuso d’ufficio e falso ideologico.

(foto d’archivio)

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...
commercial

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...
sponsor

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Morte della donna dimessa a piedi dal pronto soccorso, partite le indagini

Ci saranno minuziose indagini conseguentemente al decesso di Fabiana Carone, la povera donna di 52 anni morta dopo aver fatto rientro al proprio domicilio...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...
commercial

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.