Basket, Mitchell Watt resta all’Umana Reyer: rinnovato l’accordo pluriennale

ultimo aggiornamento: 22/06/2020 ore 12:46

37

Mitchell Watt watt-reverse-reyer-oldenburg2
Mitchell Watt resta all’Umana Reyer: esteso l’accordo pluriennale per il centro statunitense.

Il giocatore di 208 cm, nato a Goodyear (Arizona, Stati Uniti) il 14 dicembre 1989, è stato protagonista delle ultime tre stagioni in cui l’Umana Reyer ha conquistato FIBA Europe Cup, scudetto e Coppa Italia.

Nel triennio in orogranata Mitchell è sempre sceso sul parquet, disputando tutte le 168 partite al pari solo di Andrea De Nicolao.

Watt ha inoltre ulteriormente migliorato le sue statistiche in Serie A, passando dai 14.0 punti e 5.4 rimbalzi della stagione 2018/2019 ai 14,5 e 7,4 di quella appena conclusa (tirando col 61,9% da 2, il 33,3% da 3 e il 72,5% in lunetta). In Eurocup Watt invece ha registrato 12,9 punti e 5,1 rimbalzi nei 16 incontri disputati.

Nelle ultime due stagioni è stato inserito nel miglior quintetto del campionato.

“Sono entusiasta di proseguire la mia carriera in Reyer per due motivi principali – le parole di Mitchell Watt – In primo luogo per la grande familiarità che ho con la società e con tutto l’ambiente veneziano, per me e la mia famiglia questa è una seconda casa. Inoltre sono orgoglioso di far parte di questa organizzazione perché è un gruppo di lavoro vincente, stiamo scrivendo pagine di storia sportiva e continuiamo a crescere anno dopo anno. Per me è motivo di vanto essere parte dell’Umana Reyer. Sono inoltre felice che il Club voglia confermare tanti giocatori, amo giocare con i miei compagni. I nostri punti di forza sono sicuramente la solidità, l’unione di intenti e la familiarità. In Reyer c’è una visione comune, tutti vogliono la stessa cosa, vincere”.

“La cultura della società, di coach De Raffaele e di tutto il gruppo di lavoro – aggiunge il giocatore – è quella di lavorare molto per cogliere ogni opportunità di vittoria, indipendentemente dal titolo in palio e dal momento della stagione. Inoltre, un’annata terminata così ci lascia ancora più affamati per il futuro. La confidenza con l’ambiente è molto importante per un atleta straniero, permette di concentrarsi meglio sul lavoro del campo. In questo momento di grande incertezza globale la nostra società è un punto fermo per me, un valore aggiunto. Sono dunque grato al Club per la stima che ha nei miei confronti, è molto importante per me e la mia famiglia”.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here