lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Baretta presenta la squadra: «Governiamo insieme»

HomeComunaliBaretta presenta la squadra: «Governiamo insieme»

«Non basta amministrare la quotidianità, serve una gestione programmatica strategica»: ha aperto così sabato mattina, al chiostro dell’M9 di Mestre, la sua campagna elettorale Pier Paolo Baretta, sottosegretario al Mef e candidato sindaco alle comunali di Venezia, presentando la squadra.

Liste, partiti, movimenti

Cinque liste lo sostengono per «cambiare l’amministrazione»: Partito Democratico, Venezia è tua, Svolta in Comune, Idea Comune per Mestre e Venezia e Verde Progressista, oltre ad Azione di Carlo Calenda: 12 tra partiti e movimenti, «oltre 500 candidati, tra consiglio comunale e municipalità». Dedicata a queste ultime sarà un’iniziativa nella quale «presenteremo i candidati presidenti», annuncia Baretta: «in replica allo smantellamento del decentramento amministrativo degli ultimi anni che il sindaco uscente la scorsa settimana ha ammesso, per motivi politici», continua Baretta. «La difficile tutela della democrazia – dice spesso – vale tutta la fatica che comporta». “Insieme” è lo slogan dei manifesti della campagna. «Ho accettato la sfida elettorale con l’impegno a contrastare l’idea di un uomo solo al comando». Sul palco hanno preso via via posto Monica Sambo, Paolo Vettorello di Venezia è Tua, Massimiliano Zane di Svolta in Comune, Miriam Maria Parrino di Idea Comune, Anna Messinis vicepresidente della municipalità Venezia.

La memoria

«Non dimentichiamo lo scarto tra promesse e risultati dell’amministrazione uscente: la mancata gestione dei flussi turistici, l’abortito tentativo dei tornelli; i 30 mila nuovi residenti promessi nella città d’acqua; la sicurezza e la cementificazione. E ora il sindaco Brugnaro si presenta con una coalizione di destra. Non possiamo – dice Baretta – consentire a Salvini di governare Venezia, è un salto nel buio che non ci possiamo permettere».

Ringrazia la Fondazione di Venezia, «ha concesso non a noi, ma alla città l’utilizzo democratico di questa piazza simbolica e significativa», replica alle critiche sull’utilizzo dello spazio della fondazione di cui è da poco presidente Michele Bugliesi, rettore dell’Università.

Il sottosegretario ricorda la scomparsa di Aldo Camponogara: «Un pezzo della storia della sinistra e della nostra città», e cita la frase che gli mandò, nel candidarsi alle comunali, Marina Dragotto da poco venuta a mancare: «liberiamo le energie positive, recuperiamo orgoglio e volontà. Scrisse più o meno così a marzo scorso», dice Baretta e rilancia: «per una Venezia viva, accogliente, sicura e solidale; una città che abbia a cuore se stessa, l’ambiente, la laguna, la vita sostenibile. Una città della cultura, dell’innovazione e della conoscenza. Una città dello sviluppo e del lavoro. La nostra responsabilità è governare l’equilibrio tra la salvaguardia e lo sviluppo».

Cultura e ambiente

Il candidato sindaco pensa a «riqualificare e collegare il fronte lagunare: i forti, Forte Marghera, San Giuliano, Campalto (con il tram?). Piantiamo migliaia di alberi come l’Europa chiede, sosteniamo l’agricoltura». E pensa alla cultura: «sarà il primo assessorato a nascere – Promuoverò una cabina di regia dei protagonisti della proposta culturale veneziana con due scopi: proporre al mondo vicino e lontano una offerta unitaria e distribuirla lungo l’intero anno. Incentivi alla produzione culturale, creativa e artistica del territorio, sedi e spazi per i professionisti, le associazioni, le attività giovanili, biblioteche, centri culturali, cinema, spazi multifunzionali, sale di comunità, piccoli teatri, librerie e spazi aperti».

A metà strada tra cultura e ambiente ci sono le verifiche ambientali e tecnologiche che «vanno compiute per garantire nel completamento del Mose l’equilibrio dell’ecosistema, assieme al centro internazionale per lo studio dei cambiamenti climatici e l’agenzia per salvaguardia della laguna che recuperi le funzioni del magistrato alle acque».

Le connessioni

Porto, aeroporto, rete ferroviaria, «snodi fondamentali. Mi chiedo perché il tram non raggiunga la ferrovia e l’ospedale. Serve garantire – per Baretta – la funzionalità e lo sviluppo del porto commerciale, ridefinire il ruolo strategico della stazione di Mestre. Si può fare qualcosa di più della piastra, sul modello dell’alta velocità sotterranea bolognese, oggi nodo logistico intermodale – Mentre la bretella a “cappio” di collegamento con l’aeroporto per l’alta velocità, afferma il sottosegretario – è insufficiente. Il Sistema ferroviario metropolitano regionale (Sfmr) è utile se non si vuol condannare alcune zone all’isolamento e per contro garantire un raccordo metropolitano con l’area di Padova, Treviso e l’intero nordest». Questo programma con il capitolo residenzialità da cui Baretta con il Pd era partito al quartiere Pertini, a fine giugno scorso, «è un’impresa collettiva e non può reggersi sulle spalle di una persona sola o di una élite. Ho accettato la candidatura dicendo: governiamo insieme». Antonella Gasparini

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Ponte della Costituzione scivoloso, altri lavori. Amore-odio dei veneziani per il Ponte di Calatrava

Ancora guai per il Ponte della Costituzione progettato dall’architetto Santiago Calatrava, che tanto ha fatto discutere i cittadini veneziani, che hanno prima incontrato e poi vissuto gli effetti di un’opera che è costata 11 milioni di euro. Il Ponte era entrato nell’immaginario...

Rottweiler entra nel ristorante e sbrana barboncino che stava sotto il tavolo della padrona

Scena drammatica ad Abano. Improvvisamente uno dei rottweiler della proprietaria del locale entra nella pizzeria dove ci sono i clienti che stanno mangiando e azzanna un cagnolino di piccola taglia che se ne stava accovacciato sui piedi della padrona. Ed è...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...