pubblicità
pubblicità
10.4 C
Venezia
domenica 11 Aprile 2021
HomepolemicheBanco di nebbia improvviso a Venezia, tensioni tra dipendenti actv e utenti

Banco di nebbia improvviso a Venezia, tensioni tra dipendenti actv e utenti

Questa mattina, poco dopo le 8, una sottile nebbiolina è scesa su Venezia localizzandosi soprattutto nello spazio d’acqua tra Sant’Elena, Lido e la Certosa. Accade così che, verso le ore 10, da Fondamente Nove si poteva avere una visibilità di almeno 500 metri in direzione Madonna dell’Orto, e lo stesso verso Cimitero. Stessa cosa in direzione Lido, con l’unica differenza che si poteva notare anche una leggera foschia all’orizzonte (vedi foto).
Niente di trascendentale, ma tanto è bastato a mandare in crisi la linea circolare (che sfortunatamente è quella usata dagli anziani per raggiungere l’ospedale ) che è sempre la prima a saltare in questi casi.
L’impietoso tabellone luminoso infatti recitava: CAUSA NEBBIA linea 5.2 (direzione lido) sospesa. 4.1/4.2 sospeso tratto Piazzale Roma/ Giudecca /Bacini. Da Fondamente Nove limitato Bacini. Purtroppo non è che la fermata Actv dei Bacini porti a chissà quali svincoli verso il centro abitato, quindi innumerevoli nascevano le proteste

 

e i commenti delle persone ai pontili, soprattutto verso i dipendenti dei motoscafi che comunque attraccavano per dire : “servizio per lido sospeso”, oppure “servizio per San Marco limitato ai Bacini”. E il fatto che i motoscafi avessero tutti il radar, che nel cielo ci fosse un sole alto, e che praticamente tutti gli altri mezzi di navigazione procedevano tranquillamente non aiutava. Le imprecazioni a sfondo “vergogna” non si contavano, e seppur in una situazione simile si sarebbe potuto soprassedere, gran parte del personale ci teneva a rispondere punto su punto ai rimbrotti della gente.
Una delle scene a campione? Anziana con marito a braccetto che zoppicava: “Perché no ghe xe el bateo?”, verso il personale fermo fuori dall’ufficio al centro delle Fond. Nove. “Perché xe nebbia, signora”, “Ma se ghe xe el sol??”… ed ecco che è scattato  il commento “piccato” della donna:

 

“Altro che contratto integrativo, i dovaria icensiarve tutti…”. E qui la cosa poteva finire, magari allargando le braccia, cercando una pazienza e un buonsenso che a volte nel pubblico bisogna avere. Invece un giovane dipendente del gruppetto ha urlato verso la coppia che si allontanava : “Cossa xe che ea ga dito? Ea torna indrio … ea vegna a dirmeo in faccia…” verso la coppia di anziani che si allontanava camminando lentamente.
Cosa dire? La frase: “Un bel tacer non fu mai scritto” è attribuita a Giacomo Badoer.
Veneziano.

Data prima pubblicazione della notizia:

Una persona ha commentato

  1. una volta navigavano a vista,ora con tutti gli strumenti e visibilità di 3-400 metri sospendono le corse,o sono incapaci o qualcosa non funziona a livello amministrativo,chissà quando questo carrozzone verrà smantellato

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
sponsor
spot