5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
12 C
Venezia
mercoledì 21 Aprile 2021
HomeNotizie di oggi un anno faBabyinItaly da oggi ospita anche l'artigianato di Venezia

BabyinItaly da oggi ospita anche l’artigianato di Venezia

BabyinItaly da oggi ospita anche l'artigianato di Venezia

BabyinItaly, il portale che dà voce a mamme, papà, nonni, zii, persone che lavorano con e per i più piccoli, oltre ad essere spazio di confronto di opinioni ed esperienze riconosciuto e autorevole oggi ospita anche uno shop online realizzato su misura dai bisogni espressi dagli utenti. Non solo prodotti – artigianali o su misura – ma anche servizi dedicati alle famiglie e ai bambini.

Anche la città di Venezia è stata coinvolta nel mondo di BabyinItaly: all’interno dello shop online si possono infatti trovare tanti prodotti realizzati accuratamente a mano da una mamma veneziana: magliette, astucci, set per l’asilo e tovagliette, ma non solo: collane, teli per fasciatoio e articoli di design realizzati su misura da interessanti realtà locali sparse per l’Italia.

Com’è nato lo shop di BabyinItaly? Dalle recensioni e dalle esperienze espresse direttamente dagli utenti. Il portale – online da Gennaio 2015 – non ha una redazione interna ma basa il suo successo su una community molto attiva e in continua espansione, composta da tutti coloro che sono legati al mondo dell’infanzia. Nel presentarsi e/o raccontare le proprie esperienze gli utenti hanno quindi costruito la mappa interattiva che mostra la posizione di luoghi e servizi (cultura e istruzione, sport e tempo libero, ospitalità e ristorazione) recensiti conducendo gli utenti a spasso per l’Italia, piuttosto che espresso opinioni su prodotti (fashion, design, care&carry, siti, app, giochi, libri, film).

Da local a glocal: un progetto – circoscritto al mondo dei bambini e nella valorizzazione del territorio – in cui si pensa a livello italiano e si agisce a livello locale.
I fondatori del progetto tre mamme e un papà: Alice Palumbo, Barbara Toselli, Cristina Pasini, Luca Borsoni. Quattro imprenditori continuamente alle prese con la ricerca della formula magica per coniugare famiglia-lavoro, gestire la crescita di aziende e figli cogliendo gli infiniti stimoli della contemporaneità senza rinunciare al piacere delle piccole cose.

Commenta Alice Palumbo: “Il mercato della vendita online è in crescita, i nostri utenti – 70% mamme – sono sempre più digital shopaholics. Così abbiamo immaginato una concreta opportunità per la famiglia che ha espresso la necessità di acquistare online in modo facile e veloce prodotti esclusivi e artigianali di realtà radicate nel territorio piuttosto che aziende dal marchio talvolta non roboante eppure di alta qualità al prezzo giusto, nonché servizi sul territorio di medici, educatori, operatori dell’entertainment e del leasure. Offrendo allo stesso tempo un’occasione per chi desidera proporsi online ma non ha il budget delle multinazionali da investire. La nostra proposta concreta è di essere un collettore di iniziative, esperienze, prodotti e servizi di qualità: milk&link!”

La piattaforma di vendita permette infatti di gestire direttamente e in modo intuitivo un proprio magazzino, fisico o virtuale (download, coupon, pacchetti, bundles ecc), definire eventuali varianti e opzioni inerenti sconti, spedizioni e metodi di pagamento (crittografati con certificato SSL a 128 bit su protocollo https).
Per i primi mesi ai vendor early adopter viene richiesta solo una piccola percentuale sulle vendite e soprattutto i feedback per migliorare nel tempo.

Aggiunge Barbara Toselli: “Noi italiane – come raccontano le indagini Nielsen – siamo responsabili di fruizione su prodotti e servizi: facciamo acquisti intelligenti sfruttando il poco tempo che riusciamo a ricavarci qua e là nella giornata e quindi siamo sempre più connesse. Con BabyinItaly desideriamo dare voce all’unicità di ciascuno con la consapevolezza che tutti ci districhiamo tra lavoro e famiglia. In una parola sola, la nostra soluzione è “condividi”, ed è per questo che gli articoli prodotti dagli utenti saranno collegati alle vetrine delle shop, la referenza oggi è tutto. Domanda e offerta collaboreranno sinergicamente proponendo un ecosistema di risposta al bisogno e non di creazione del bisogno”.

Obiettivi futuri? BabyinItaly, in un’ottica di espansione e di integrazione con i mercati esteri, punta negli anni a creare una rete di relazioni attraverso un sistema di franchising: il portale verrà aperto ad ospitare i contenuti di singole sezioni nazionali diventando BabyinEurope.

Chi ha scelto BabyinItaly per vendere i propri prodotti o servizi?
Gerard’s – La Guga – My Baby Photo – Ristorante Vita Nova – Aruna – Jo Handmade Design – Centro San Clemente – I Piccoli – Not Only Teddy – Cooperativa Colibrì e Zeroventi – Lumière Hand Made – Il filo illogico – La Babajaga

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
Advertisements
sponsor