7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Ater Venezia consegna appartamenti a Spinea

HomeSpineaAter Venezia consegna appartamenti a Spinea
la notizia dopo la pubblicità

Ater Venezia consegna appartamenti a Spinea

Questa mattina a Spinea il presidente dell’Ater di Venezia, Raffaele Speranzon, ha consegnato le chiavi di 5 abitazioni ad altrettanti nuclei familiari.

Si tratta di quattro nuove assegnazioni (in via Pirandello e in via Magnani) e una mobilità (in via Marco Polo), per un totale di 5 alloggi di tipologia Erp (Edilizia residenziale pubblica).

I quattro nuovi inquilini dell’Ater sono persone sole, residenti singoli che hanno partecipato all’ultimo bando comunale per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica.

Un’altra famiglia, già assegnataria di un appartamento Ater al quarto piano, è stata spostata in un alloggio ad un piano terra rialzato. Il cambio casa era stato richiesto dalla famiglia per problemi di mobilità di un componente, ed essendosi resa disponibile un’abitazione priva di barriere architettoniche nello stesso comune, l’Ater ha proceduto con la mobilità.

raffaele speranzon presidente ater nostra tonda
“Diamo il benvenuto ai nuovi inquilini dell’Ater – ha detto il presidente dell’Ater di Venezia, Raffaele Speranzon – cerchiamo di rispondere alle esigenze abitative di tutti i comuni della Città Metropolitana nel modo più rapido possibile, in base alle nostre possibilità: servirebbero senz’altro maggiori risorse finanziarie e umane per poter sistemare e rendere abitabili in tempi ancora più brevi tutti gli alloggi che tornano ad essere liberi”.

“Questi appartamenti per noi sono un patrimonio importante, dal punto di vista edilizio ma anche umano, perché le persone che vivono all’interno di tali contesti sono cittadini, residenti della Città Metropolitana di Venezia: microcomunità in cui ci si preoccupa l’uno dell’altro, non solo del proprio orticello ma anche degli spazi esterni comuni, del vicino della porta accanto e delle persone che vivono nella zona. Si crea dunque un tessuto sociale importante che tiene viva la zona. Continueremo a lavorare – ha concluso il presidente – per dare una risposta alla richiesta abitativa in tutta la Città Metropolitana e, dove possibile, procedere con i cambi alloggio per andare incontro alle esigenze dei residenti”.

Per l’amministrazione comunale erano presenti il vicesindaco, Edmondo Piazzi, e l’assessore alle Politiche giovanili, Sport e Cultura, Elia Bettin.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".