Assemblea Banca Popolare di Vicenza ‘Ci hanno rubato tutti i risparmi di famiglia’

1
385
Assemblea Banca Popolare di Vicenza 'Ci hanno rubato tutti i risparmi di famiglia'

Assemblea Banca Popolare di Vicenza 'Ci hanno rubato tutti i risparmi di famiglia'

Un pensionato si commuove alla fine del suo intervento, la voce si rompe ma trattiene le lacrime. Una vita di lavoro. Una vita di risparmi. Per niente.
“Nel 2012 mi hanno fatto investire soldi per comprare azioni. Ho detto ‘guardate che se capita male quei soldi li voglio subito’ e loro: ‘non ci sono problemi li avrà in cinque giorni’. Nel 2013 ho fatto anche l’aumento di capitale perché erano messi male e adesso in poche parole ci hanno rubato tutti i piccoli risparmi che avevamo in famiglia”.

Lino Lorenzato, pensionato, uno dei 123 soci saliti sul palco dell’assemblea della Popolare di Vicenza, snocciola così le sue parole, dure come macigni per chi ha la disponibilità morale di immedesimarsi per un attimo nella sua situazione. Ma la sua non è l’unica storia, vicende simili ce ne sono molte a Vicenza, nel Veneto ma anche in quelle altre parti d’Italia, da Prato al Friuli, dove si trovano le filiali della Bpvi, Banca Popolare di Vicenza.

Persone ‘normali’, dipendenti, pensionati, casalinghe, storie di soci che hanno sottoscritto
azioni, credendo alle parole di un funzionario di banca che rassicurava sull’investimento e a quel presidente Gianni Zonin, sempre applauditissimo in assemblea, che faceva salire il valore dei titoli anche quando Lehman Brothers crollava.

“Non volevamo vedere uomini di 80 anni con le mani rotte dal lavoro piangere per i risparmi e la dignità che la banca gli ha rubato” ha detto sdegnato Daniele Marangoni dell’Associazione ‘Noi che credevamo nella Bpvi’. Storie di risparmi di una vita andati in fumo e progetti cancellati, come quello di Giuseppe Imboccioli che aveva chiesto “di liquidare le azioni per mio figlio che doveva comprare casa” e che, nonostante le rassicurazioni della banca, non è mai riuscito a vendere i titoli che ora hanno perso il 90% del loro valore.

Imprenditori e artigiani? Forse anche più colpiti, a volte “costretti” ad acquistare azioni in cambio di un fido: “mi dicevano ‘devi dare fiducia alla banca come la banca dà fiducia a te'” ha raccontato uno di loro.

“Dedico un minuto di silenzio per quei giovani a cui sono state tolte le possibilità di studio, un minuto per i pensionati a cui avete tolto la sicurezza, un minuto per i nostri figli” ha detto il socio Claudio Miotto gridando “vergogna” all’ex presidente Gianni Zonin e a quei consiglieri che, disertando l’assemblea, non hanno avuto il coraggio di affrontare lo sdegno dei soci.

Fuori dal capannone della Perlini Equipment di Gambellara, alla fine dell’assemblea, i quasi 6 mila soci se ne vanno mesti, sotto la pioggia e un cielo plumbeo, in una giornata resa ancora più triste dalla morte di un addetto alla sicurezza di 42 anni, colto da un malore.

Un anziano socio espone un cartello: “Zonin & C. avete rubato il futuro ai miei nipoti. Disonesti”.

Mario Nascimbeni
06/03/2016

(cod bancapovi)


1 COMMENT

  1. Il potere e in mano ai burocrati il potere lo tengono le loro mani nel computer aumentato lo spred questo dio non perdona quanto vanno sotto i cipressi il danaro e i loro averi non li portano dentro la cassa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here