venerdì 21 Gennaio 2022
1.9 C
Venezia

Più arrestati e più controlli: il bilancio della polizia di Venezia nel 2020

HomeForze dell'OrdinePiù arrestati e più controlli: il bilancio della polizia di Venezia nel 2020

Più arrestati e più controlli: il bilancio della Questura di Venezia dell’anno che si è appena concluso descrive un quadro in cui emergono più persone arrestate e più prevenzione.
Il 2020 è stato un anno particolare e diverso dai precedenti, come per tutti, anche per la polizia di Stato. La Questura di Venezia, come le altre sul territorio, ha fronteggiato situazioni, criticità, condizioni e problemi nuovi e mai affrontati prima, evolvendosi e adattandosi, sia sotto il profilo organizzativo sia sotto quello procedimentale, per rispondere alle mutate esigenze.
Tra chi è in prima linea ogni giorno, l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, i cui equipaggi sono impegnati ogni giorno ed ogni notte per il controllo del territorio e il primo intervento.
Il bilancio dell’attività dell’ufficio nel 2020 è positivo: si denotano infatti, da un lato, un importante incremento dei controlli effettuati, delle denunce e degli arresti eseguiti a seguito

di intervento e, dall’altro, una diminuzione delle denunce di reati subiti ricevute dall’ufficio.
Nel dettaglio, comparando il periodo di riferimento (1 gennaio – 27 dicembre) del 2020 con quello del 2019, si osserva che il numero dei delitti denunciati ha registrato una significativa flessione, passando da 7316 a 5958 (-18,56%).
La diminuzione dei reati subiti e denunciati si deve anche ad una maggiore presenza delle pattuglie sul territorio, e ad una maggiore efficacia dell’attività preventiva, grazie anche al nuovo riparto territoriale tra Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri, sancito in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica con la modifica sperimentale del Piano Coordinato di Controllo del Territorio.
La maggiore presenza si evidenzia attraverso il notevole incremento dei controlli effettuati dall’U.P.G.S.P. sul territorio durante i servizi: dai 5586 nel periodo in esame del 2019 ai 12904 del 2020 (+ 131,01%).
In particolare, i soggetti controllati sono stati 18211 (+ 91,55%); i veicoli 4585 (+ 163,81%) e i documenti 14823 (+ 18,32 %).
Interessante anche il dato relativo al numero dei soggetti denunciati dagli operatori delle

Volanti a seguito di intervento, che è passato da 626 nel 2019 a 758 nel 2020 (+ 21,25 %) e quello dei soggetti arrestati in flagranza di reato, che è passato da 69 nel 2019 a 91 del 2020 (+31,88%), nonostante le diposizioni sanitarie restrittive che hanno previsto la necessità di tradurre in deferimenti all’Autorità Giudiziaria alcuni casi di arresto.
La lettura di questi dati, spiegano dalla Questura, consente di fotografare un’attività preventiva di controllo del territorio efficace, grazie ad una presenza capillare che consente, da una parte, di garantire un’efficacia preventiva e dissuasiva (come si evince da rapporto inversamente proporzionale tra controlli effettuati e reati subiti e denunciati) e, dall’altra, una maggiore rapidità di intervento e di riposta da parte delle pattuglie presenti sul territorio, con il conseguente aumento degli arresti e dei deferimenti all’Autorità Giudiziaria (e dunque, da un punto di vista pratico, dell’immediata individuazione degli autori dei reati).

Un’attività quindi, nel complesso, articolata, massiccia ed efficace, resa possibile dall’organizzazione dei servizi e dall’impegno quotidiano delle poliziotte e dei poliziotti che ogni giorno prestano servizio sul nostro territorio, ai quali va il riconoscimento e il ringraziamento del questore di Venezia, Maurizio Masciopinto.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

“Io, sfrattata da Venezia, ho voluto a tutti i costi tornarci ed è stato un incubo”. Lettere

In risposta alla lettera “So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Venezia... Io ci sono nata 60 anni fa e sono dovuta scappare a 15 anni con tutta la famiglia perché già a quei tempi per...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?