lunedì 17 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Aquafollie, stagione difficile per il parco a tema acquatico di Caorle

HomeTempo liberoAquafollie, stagione difficile per il parco a tema acquatico di Caorle

Aquafollie Caorle, stagione difficile per il parco a tema acquatico di Caorle

Aquafollie di Caorle registra la difficoltà diffusa del momento: a poco più di un mese dall’apertura si verificano cali consistenti nelle presenze, anche per il fatto che mancano i turisti stranieri e i Grest.
E’ iniziata così una stagione estiva sottotono per Aquafollie, il parco a tema acquatico più importante di Caorle. Come per l’intera località turistica, la mancanza dei turisti stranieri si fa sentire.

Dopo una partenza difficile e in ritardo di quasi un mese sulla tabella di marcia, a causa dell’emergenza sanitaria, il mese di luglio registra un fatturato dimezzato rispetto allo stesso periodo del 2019.
Gli ingressi ad Aquafollie sono in calo di oltre il 52% nonostante il caldo torrido delle ultime settimane.
A gravare sui numeri, oltre all’assenza dei turisti stranieri, è anche il numero esiguo dei centri estivi e parrocchiali. Solo una decina quelli che hanno organizzato la consueta gita fuori porta nel parco acquatico della località turistica.

La biglietteria online continua a registrare buoni numeri, anche perché l’uso assicura la riduzione dei contatti interpersonali, oltre che l’accesso a prezzi agevolati.
All’interno del parco, dei tre punti ristoro, solo due sono in funzione nella stagione 2020, per contenere le spese di gestione. “L’apertura di tutte le attrazioni, il personale necessario a garantire la sicurezza, i servizi di animazione quotidiana hanno richiesto un impegno economico importante – dichiara la Direzione del parco – ma leggere le recensioni positive dei nostri ospiti e avere la consapevolezza che, in un anno così difficile, riusciamo a offrire un’esperienza positiva di divertimento e spensieratezza, ci dimostra che ne vale la pena”.

Al momento, l’ampliamento del parco, concluso lo scorso anno, unito al numero di ospiti ridotto consente di garantire l’accesso a tutti senza necessità di prenotare la visita.
Le disposizioni per garantire il rispetto dei protocolli sanitari sono una sfida che mette alla prova l’Organizzazione del parco, ma costituiscono anche un’opportunità per migliorare ancora la fruibilità e la sicurezza, aspetto che i visitatori hanno dimostrato di apprezzare.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...