Andrea Camilleri se n’è andato. Tutto il mondo si toglie il cappello

ultimo aggiornamento: 18/07/2019 ore 20:42

353

Andrea Camilleri si è spento. Con lui se ne va uno dei grandi della storia della letteratura del nostro Paese.

La Fondazione il Campiello ha così espresso il suo profondo cordoglio: “Camilleri ha reinventato il romanzo storico e di genere, insieme al racconto fantastico; e, con umoristica vivacità, e pirandelliano senso del contrario, ha recuperato nell’intrattenimento letterario l’indagine storica, politica e civile.” Con queste e altre motivazioni, nel 2011 Andrea Camilleri aveva vinto il Premio Fondazione Il Campiello.
Oggi piangiamo la scomparsa di un autore molto amato dai lettori, che ha saputo non soltanto creare un personaggio come Montalbano, ma anche contribuire in maniera significativa alla sperimentazione letteraria e alla diffusione della lettura.

La notizia della scomparsa ha fatto il giro del mondo in brevissimo tempo.
Andrea Camilleri è morto“, la notizia è stata ripresa – spesso con grande risalto – dai principali media e quotidiani del globo: dallo statunitense New York Times alla Faz tedesca, dalla britannica Bbc allo spagnolo El Pais. Quest’ultimo giornale dedica alla scomparsa dello scrittore un articolo nella sua homepage accompagnato da una grande foto con il titolo che definisce Camilleri il ‘padre’ del commissario Montalbano.

Anche il francese Le Figaro pubblica una grande foto dello scrittore nella sua homepage definendolo il ‘padre del thriller alla siciliana’. La notizia è in prima pagina del sito, inoltre, sul belga Le Soir, sulla tedesca Faz e sul britannico Guardian. La Bbc da parte sua pubblica la notizia nella pagina europea, così come il New York Times ne dà notizia in una pagina interna della sua edizione online e l’emittente Usa Cnn.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here