1.4 C
Venezia
domenica 24 Gennaio 2021

Alberto Stasi, oggi sentenza Cassazione dopo colpo di scena

Home Cronaca Alberto Stasi, oggi sentenza Cassazione dopo colpo di scena
sponsor

Alberto Stasi, oggi sentenza Cassazione dopo colpo di scena

sponsor

Alberto Stasi è di nuovo in attesa di un giudizio.
Si è aperto con un colpo di scena, una richiesta inattesa del sostituto procuratore generale Oscar Cedrangolo, il processo in Cassazione per l’omicidio di Chiara Poggi, uccisa a Garlasco il 13 agosto 2007: con l’accusa che – dopo due assoluzioni, il successivo rinvio ad un appello bis disposto dalla Cassazione nell’aprile 2013, e un nuovo dibattimento di merito davanti alla corte d’Assise d’Appello di Milano – ha messo in dubbio la condanna a 16 anni inflitta all’unico imputato, l’allora fidanzato di Chiara, appunto: Alberto Stasi.

commercial

La sentenza è attesa per oggi: i giudici sono andati in camera di consiglio intorno alle 20, ma due ore più tardi il presidente del collegio ha annunciato lo slittamento della decisione. “Considerata l’importanza e la complessità delle decisioni – ha detto – si differisce e si riconvoca alle ore 9 di domani” la camera di consiglio.

Il sostituto pg Cedrangolo ha chiesto l’annullamento con rinvio della sentenza in accoglimento sia del ricorso di Alberto Stasi, sia di quello del pg di Milano, che vuole il riconoscimento dell’aggravante della crudeltà, con conseguente aumento di pena. Anzi, al termine della requisitoria Cedrangolo non ha escluso l’ipotesi che Stasi possa essere assolto definitivamente già dalla Suprema Corte, tanti sono i punti poco chiari.

“Se rinvio deve essere, sia a carico di qualcun altro. I pubblici ministeri si mettano di mezzo e trovino le prove contro qualcun altro”, ha detto il difensore di Stasi, il professor Angelo Giarda, che si è presentato in Cassazione con 20 motivi di ricorso.

Per Giarda, che ha chiesto ‘l’assoluzione per non aver commesso il fatto’, la sentenza di condanna si è limitata a constatare: “Se non lui, chi ha commesso l’omicidio?”.

Quella mattina Chiara, ancora in pigiama, mentre faceva colazione, ha aperto la porta al suo assassino alle 9.12 (a quell’ora aveva disattivato l’allarme), non si è difesa, è stata tramortita e poi gettata dalle scale che portano in cantina: questo hanno accertato tutte le sentenze. Ma il pg ha sottolineato “la debolezza dell’impianto accusatorio” che ha portato alla condanna di Alberto a 16 anni, e al risarcimento alla famiglia Poggi di un milione di euro.

Il pg ha scandagliato punto per punto gli indizi che la Cassazione aveva chiesto di rivalutare: il racconto di Stasi sul ritrovamento del cadavere, le impronte digitali dell’imputato sul dispenser del sapone nel bagno di casa Poggi, l’aver omesso di dire agli inquirenti di possedere una bici nera da donna, dopo che due testimoni avevano raccontato di averne vista una appoggiata al muro della villetta di via Pascoli, e soprattutto l’assenza di macchie di sangue sulla suole delle scarpe consegnate ai carabinieri, riscontrando “ancora incongruenze che meritano accertamento”.

Perché “è successo che il giudice del rinvio abbia ritenuto che gli fosse stato affidato un imputato che dalla posizione di accertato innocente fosse passato a quella di presunto colpevole e ha ritenuto di ricercare gli indizi a carico. Un modo di procedere non corretto”.

L’attacco più duro del pg alla sentenza di condanna ha riguardato la ricerca a tutti i costi del movente dell’omicidio. Movente che la sentenza non ha individuato “ma poi si industria a costruirne uno, legato alla vicenda delle immagini pornografiche”: “è una tesi insostenibile” che Alberto abbia ucciso Chiara per impedirle di demolire la sua immagine di bravo ragazzo, per poi consegnare ai carabinieri proprio quel pc dove teneva le immagini pornografiche. Anche l’aver escluso l’aggravante di crudeltà, in una sentenza in cui si dice che Chiara è stata “brutalmente uccisa”, secondo il pg “è il solito inaccettabile sistema di un colpo al cerchio e uno alla botte. Ma non si fa giustizia così, si aggiunge dolore a dolore”.

Il pg si è scagliato anche contro i rilievi effettuati dopo che “24 persone si sono recate in quell’appartamento”: le tracce delle pedate dell’assassino entrano in bagno ma poi non ne escono e “ci sono voluti 7 anni per individuare taglia e marca delle scarpe”.

“In questa sede non si giudicano gli imputati ma le sentenze. Io non sono in grado di stabilire se Alberto Stasi è colpevole o innocente. E nemmeno voi”, ha detto il pg rivolgendosi al collegio, “ma insieme possiamo stabilire se la sentenza è fatta bene o è fatta male. A me pare che la sentenza sia da annullare”. E “potrebbero esserci i presupposti di un annullamento senza rinvio, che faccia rivivere la sentenza di primo grado” e quindi l’assoluzione di Alberto.

“Se Stasi è innocente – ha concluso – deve essere assolto, ma se è colpevole deve avere la pena che merita”, 30 anni, come ha chiesto il pg di Milano nei motivi di appello.

Redazione
12/12/2015

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...
commercial

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...
sponsor

Morte della donna dimessa a piedi dal pronto soccorso, partite le indagini

Ci saranno minuziose indagini conseguentemente al decesso di Fabiana Carone, la povera donna di 52 anni morta dopo aver fatto rientro al proprio domicilio...

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...
commercial

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.