pubblicità
pubblicità
12.1 C
Venezia
lunedì 12 Aprile 2021
HomecaseAffitti delle case pubbliche: cosa cambia da marzo 2020. Correttivi retroattivi da luglio 2019

Affitti delle case pubbliche: cosa cambia da marzo 2020. Correttivi retroattivi da luglio 2019

Notizie di Venezia (e altro) il nostro lavoro, la nostra missione, da 10 anni
Canoni delle case pubbliche: cosa cambia da marzo 2020.
Lo spiega un comunicato dell’Arav (l’Associazione regionale tra le Ater del Veneto).

Dal 1° marzo sono in vigore i nuovi canoni di locazione degli alloggi di edilizia pubblica residenziale in Veneto.

I direttori delle Ater del Veneto e i Comuni interessati stanno inviando in questi giorni le lettere di comunicazione e i relativi bollettini precompilati agli oltre 40 mila inquilini assegnatari di un alloggio pubblico di proprietà di Ater, Comuni o municipalizzate.

I nuovi canoni, ricalcolati con l’utilizzo della piattaforma regionale che raccoglie tutte le informazioni dei nuclei assegnatari e degli immobili destinati ad edilizia residenziale pubblica, hanno valore retroattivo, a partire dal 1° luglio scorso.

Nella quasi totalità dei casi i nuovi conteggi determinano riduzioni del canone dovuto: le aziende territoriali delle sette province venete provvederanno a restituire agli assegnatari quanto percepito in più dal 1° luglio scorso, data di applicazione delle novità introdotte con la legge regionale 39/2017.

Gli importi dovuti saranno ripartiti in più mensilità e dovranno essere corrisposti nel più breve periodo possibile, comunque entro il 31 dicembre di quest’anno.

I conguagli comportano complessi ricalcoli che vanno adeguati da caso a caso perché nel frattempo ci potrebbero esser state modifiche dei dati reddituali, della composizione del nucleo familiare o altri fattori che sono intervenuti a modificare le condizioni oggettive in cui si trovano gli assegnatari di alloggi.

Il PRESIDENTE DELL’ATER DI VENEZIA
“C’è soddisfazione per questo risultato concordato con la Regione e tutte le Ater del Veneto – spiega Raffaele Speranzo, presidente dell’Ater di venezia – Come annunciato, i nuovi canoni sono stati calcolati con tutele per gli anziani e i disabili, e hanno effetto retroattivo da luglio 2019”.

“E’ importante, soprattutto in questo momento, l’attività informativa nei confronti degli inquilini – aggiunge Speranzon – che stiamo cercando di portare avanti a distanza. Abbiamo dovuto sospendere momentaneamente gli incontri con gli inquilini sul territorio per tutelare la salute pubblica e in ottemperanza alle misure di contenimento dell’epidemia, ma abbiamo potenziato le linee telefoniche e continuo ad incontrare gli inquilini, solo che gli appuntamenti ora si svolgono con FaceTime. Il tema è quanto mai attuale e interessa tutti i residenti degli alloggi Erp (edilizia residenziale pubblica)”.

COSA CAMBIA:
Queste le principali novità per gli inquilini Ater:
a) il limite di reddito Isee per poter mantenere il diritto all’alloggio pubblico sale da 20 mila a 35 mila euro per gli assegnatari ‘storici’, cioè per gli inquilini entrati in base alla ‘vecchia’ legge 10/1996;
b) la permanenza è garantita, indipendentemente dal reddito, se nel nucleo familiare è presente un anziano over 65 o una persona disabile;
c) per gli inquilini che hanno ottenuto un alloggio pubblico in base alla ‘nuova’ legge 39/2017 la soglia di reddito annuo per mantenere il diritto all’alloggio sale da 20 a 26 mila euro;
d) l’importo del canone deve essere sterilizzato dall’eventuale applicazione dell’Iva (che è quindi a eventuale carico delle aziende e non degli assegnatari degli alloggi).

Inoltre, sono state introdotte alcune modifiche nel calcolo della situazione economica dell’inquilino e quindi del valore del canone:

• il valore massimo del canone ‘sopportabile’ scende dal 25 al 18% del reddito del nucleo assegnatario;
• per i nuclei con redditi fino a 15 mila euro annui moltiplicati per il corrispondente valore della scala di equivalenza e con patrimoni mobiliari fino a 50 mila euro, si prevede una franchigia di 20 mila euro, migliorativa rispetto alla franchigia massima prevista dalla normativa nazionale ISEE;
• nel caso in cui l’inquilino sia titolare di immobili non alienabili o non fruibili, potrà richiedere al Nucleo Tecnico di Analisi una rivalutazione del proprio Isee e quindi del valore del canone;
• nel caso in cui l’assegnatario abiti un alloggio con dimensioni superiori di oltre il 50% rispetto a quelle previste dal nuovo regolamento regionale, potrà scegliere tra due alternative: la mobilità in altro alloggio di dimensioni inferiori e con canone ridotto, oppure mantenere l’alloggio in assegnazione pagando il relativo canone;
• per gli assegnatari con redditi fino a 15 mila euro annui moltiplicati per il corrispondente valore della scala di equivalenza che abbiano evidenziato un significativo incremento del canone di locazione a seguito della legge 39/2017, gli aumenti saranno graduali, spalmati nell’arco di tre anni;
• per i nuclei dove almeno un componente ha più di 75 anni e un Isee inferiore a 6 mila euro si applica il canone minimo di 40 euro fino al primo rinnovo contrattuale, purchè siano in regola con il pagamento dei canoni precedenti e delle spese per i servizi accessori;
• infine, le Ater (nonché i Comuni e le agenzie municipalizzate di gestione del patrimonio pubblico) nel determinare i valori medi immobiliari comunali ai fini del calcolo del canone, applicheranno agli alloggi le categorie inferiori ‘scadente’ e ‘normale’, anziché quelle superiori ‘normale’ e ‘ottimo’: la diversa classificazione potrà determinare una diminuzione dei relativi valori degli affitti.

Si ricorda che la legge 39/2017 ha riformato i criteri di assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica: i contratti di locazione ora sono temporanei e soggetti a rinnovo e i canoni sono parametrati non solo alla qualità e alla superficie dell’alloggio, ma anche alla situazione economica e patrimoniale degli inquilini.

“Le modifiche legislative e regolamentari approvate da Giunta e Consiglio a fine dicembre – comunica l’Arav – hanno reso più graduale l’applicazione della riforma dell’edilizia residenziale pubblica tutelando gli assegnatari più vulnerabili, cioè i nuclei a basso reddito, gli anziani, le persone disabili. Infatti, per circa l’85% degli assegnatari l’applicazione dei nuovi canoni comporta una riduzione, a volte anche molto consistente del canone mensile, mentre per il restante 15 % l’aumento del canone è determinato in misura preponderante alle mutate e migliorate condizioni economiche del nucleo assegnatario e quindi alla presentazione di valori di Isee più elevati”.

Data prima pubblicazione della notizia:

Una persona ha commentato

  1. Attenzione:
    a me risulta che:
    in base alla L.R. 44/2019, art. 25, l’esclusione dalla decadenza sembra valga solo per coloro che hanno compiuto 65 anni ALLA DATA DEL 1 LULGIO 2019, e non per tutti coloro che supereranno detto limite di età negli anni e periodi successivi a tale data…
    Inoltre: ad oggi non è stato ancora possibile per il sottoscirtto i dati dell’ultimo quinquennio relativi agli alloggi Ater e dei Comuni del Veneto (se non quelli del 2018 di solo Ater Venezia),

    – non è stato ancora possibile avere le formule degli algoritmi affinchè i cittadini possano verificare i calcoli sul loro nuovo canone di affitto.

    – non mi risulta sia stata ancora fatta alcuna modifica per la specificità di Venezia, più volte annunciata anche dal presidente dell’Ater di Venezia, ma che a fine 2019 e ad oggi io non ho visto, e a quanto pare il relativo Tavolo Tecnico, previsto dalla DGR 575/2019, non si è più riunito dall’ottobre scorso, nè è stato possibile ottenere i verbali delle precedenti convocazioni…

    – tanto meno chiari appaiono i motivi per cui i dati acquisiti in 24 anni di attività (almeno presunta) dell’Osservatorio Regionale sulla Casa, previsto dalla L.R.10/1996, art. 4, e confermato dalla L.R: 39/2017, art. 5 non vengono forniti su richiesta dei cittadini, né pubblicatati su apposito sito.

    Prof. Fabio Mozzatto.
    Venezia

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
sponsor
spot