5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
26.4 C
Venezia
martedì 15 Giugno 2021

Addio Conte, Mattarella chiama Mario Draghi

Homecrisi di governoAddio Conte, Mattarella chiama Mario Draghi

Addio Conte. Il presidente Mattarella sorprende tutti: non stava affatto pensando ad un Conte ter, alza il telefono e chiama Mario Draghi.
Con un coupe de theatre il Conte ter naufraga in mezzo a un mare di veti e il presidente della Repubblica convoca al Quirinale una ‘riserva’ eccellente della repubblica, Mario Draghi.
All’ex numero uno della Bce sarà affidato il compito di dare vita a un nuovo esecutivo e di “alto profilo” che nella pienezza dei propri poteri possa combattere il virus, fronteggiare la crisi sociale e gestire gli oltre 200 miliardi di euro del Recovery plan.
Parla a sera il Capo dello Stato dopo aver ricevuto Fico l’esploratore, che ha dovuto mettere agli atti il fallimento del proprio mandato.
L’alternativa sarebbero state le elezioni ma Mattarella dice ma il Paese non può’ permetterselo. E lancia un appello alle forze politiche “perché conferiscano la fiducia ad un governo di alto profilo che non debba identificarsi con alcuna formula politica”.
E’ un lungo discorso quello che tiene il capo dello Stato per spiegare le ragioni della sua scelta.
Il ragionamento ruota intorno alla necessità che a Palazzo Chigi sieda una squadra con la capacità di assumere decisioni incisive, che possa prendersi le responsabilità di gestire la fine del blocco dei licenziamenti così come la campagna vaccinale o il rapporto con l’Europa al tavolo del Recovery.
La macchina deve poi girare a pieno regime una volta che i fondi dovranno essere spesi.
“Tempestività” è una delle parole chiave e usate più volte nel corso della dichiarazione dal Capo dello Stato.
Le urne per contro non garantirebbero tutto ciò e esporrebbero la popolazione al rischio di vedere aumentare a dismisura i contagi.
Tra le prime reazioni quella di Matteo Salvini che in tweet non sembra accogliere a braccia aperte l’invito rivolto dal Colle.
Il leader della Lega cita l’articolo 1 della Costituzione ricordando come la “sovranità appartenga al popolo”.
Intanto si è visto che quattro giorni non sono bastati a Fico l’esploratore per rimettere insieme la maggioranza del governo giallorosso. “Permangono distanze alla luce della quali non ho registrato unanime disponibilità

per dare vita alla maggioranza”, è costretto a riconoscere.
Si consuma definitivamente in un vertice fra big la rottura, ed è sui “nomi”, esplicita Renzi.
Non che sui temi si sia trovata l’intesa, tutt’altro.
Le responsabilità vengono rimpallate: Italia Viva le addossa al Pd e 5S e dice che ora non resta che affidarsi “alla saggezza del Capo dello Stato”.
I Dem al contrario caricano sulle spalle di Renzi il peso della crisi: “inspiegabile”, il suo atteggiamento.
Voleva solo le “poltrone”, accusa il M5s.
Il presidente della Camera non è riuscito nell’impresa e il destino di Conte – che ha osservato, sottolinea P. Chigi, un doveroso riserbo in questa fase – è segnato, dopo due governi con due diverse maggioranze dovrà lasciare Palazzo Chigi.
Fico prima di andare a colloquio con il Capo dello Stato sente tutti i leader, poi sale al Quirinale.
Per 48 ore il tavolo tecnico del programma è andato avanti a Montecitorio segnato dai distinguo fra le le forze politiche con un gioco tutto al rialzo da parte di Italia Viva.
Dopo aver litigato sulla revisione del reddito di cittadinanza e la richiesta di usare il Mes avanzata da Iv, l’ultimo scontro è sulla giustizia. Ma è la partita parallela sulla squadra del futuro governo quella sulla cui si è giocato il destino del Conte ter.
La rottura viene consumata durante un vertice virtuale tra Renzi e gli alleati: Dario Franceschini, Vito Crimi e Roberto Speranza cercano

l’intesa con il leader di Iv.
La richiesta del senatore di Rignano è di sostituire Alfonso Bonafede e Lucia Azzolina, entrambi 5s: ma il Movimento è irremovibile, il responsabile della Giustizia e della Scuola non si toccano.
Nel mirino anche Arcuri e Parisi, e ad aumentare la tensione c’è il niet degli alleati a lasciare la guida del delicato dicastero del Lavoro a Teresa Bellanova. E ancora prima si era registrato il no sempre 5S all’ingresso di Maria Elena Boschi al governo.
Sono diverse le geometrie che si tentano di costruire ma di veto in veto i vecchi alleati non trovano modo di disegnare il volto del Conte ter. Circondato dai sospetti Renzi giura, anche nel corso di una riunione lampo con i suoi, di lavorare “all’intesa fino all’ultimo” e scarica sugli ex alleati le responsabilità della rottura delle trattative: “Non stanno concedendo nulla” e men che meno “vogliono mettere nulla per iscritto”, dice. E in effetti non ci sarà a sera neanche un “verbale” che renda conto delle posizioni di vari partiti. Ma attribuire la frattura a questo sarebbe una “barzelletta”, scrive in chat ai suoi l’ex sindaco di Firenze.
Ma Mario Draghi come la pensa sul “Recovery”, il tema che ha mandato il crisi l’esecutivo?
“La sostenibilità del debito pubblico in un certo Paese sarà giudicata sulla base della crescita e quindi anche di come verranno spese le risorse di Next Generation Eu”.
Sono le ultime parole sentite pronunciare da Mario Draghi a metà dicembre.
“Se le risorse saranno sprecate – ha ammonito – il debito alla fine diventerà insostenibile perché i progetti finanziati non produrranno crescita”.
Per Draghi, che ha una preparazione da banchiere centrale,

il nodo del debito pubblico è sempre stato centrale.
“L’impatto (di Next Generation EU, ndr) sulla crescita e sulla sostenibilità del debito negli anni a venire sarà maggiore, quanto più grande è il debito iniziale – ha spiegato – Per questo è così importante che i Paesi con un debito elevato facciano una valutazione molto attenta del tasso di rendimento dei progetti che finanzieranno”.
Le scelte devono essere oculate, ma anche il tempo non è una variabile indipendente. “Le autorità devono agire urgentemente – ha spiegato – perché “in molti settori e Paesi siamo sull’orlo del precipizio in termini di solvibilità, specialmente per le piccole e medie imprese, con i programmi di sostegno in scadenza e il patrimonio esistente che viene eroso dalle perdite”.
La consapevolezza è anche quella di gestire la fase d’emergenza e poi l’uscita dalla crisi: “Il problema – ha detto parlando a dicembre nelle vesti di co-presidente di un gruppo di lavoro del G30 – è peggiore di quel che appare perché il massiccio aiuto in termini di liquidità, e la vera e propria confusione causata dalla natura senza precedenti di questa crisi, ne stanno mascherando le vere dimensioni”.

Data prima pubblicazione della notizia:

Una persona ha commentato

  1. Non c’è paragone 10.000 volte meglio CONTE, Draghi è solo un burocrate, anche se tanto sponsorizzato da Mattarella. Comunque gli italiani hanno il premier che si meritavano.

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor