domenica 23 Gennaio 2022
4.9 C
Venezia

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

HomeLa tragedia19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una nube nera, i problemi che incombono sulla vita che sottrae energie alla sua difesa, che si lascia morire.

N.A. aveva problemi di tossicodipendenza, che avrebbe voluto aver la forza di superare, come dicono i familiari che lo amavano, e che ora sono distrutti dal dolore. Forse è rimasto vittima della sua stessa prigionia interiore, forse ha avuto un malore per altri motivi. Sarà l’autopsia a stabilire la causa che ha sottratto la vita a un ragazzo che tutti descrivono come educato e gentile e che ora che non c’è più, lascia nei genitori e nei fratelli un vuoto incolmabile e tanti tristi pensieri.

N.A da piccolo, si trovava a vivere in un orfanatrofio in Russia quando la famiglia di Pianiga, che aveva già una figlia, l’ha adottato insieme a un altro bambino, dando energia e respiro a una casa accogliente, felice di dare solidità, amore a un futuro al nucleo familiare che si affacciava al domani. Una scelta genitoriale a tutto tondo, nata con fiducia e ottimismo verso la vita.
Quel che è successo ‘dentro’ il sentire di N. rimane nella storia del ragazzo e merita discrezione e rispetto: riguardo dovuto a tutta la sua famiglia, fin troppo provata dalla triste circostanza.

Si sa che il giovane aveva abbandonato gli studi superiori, nonostante i buoni risultati della scuola dell’obbligo e i benevoli rapporti con la comunità parrocchiale, aveva trascorso periodi difficili simili a quelli vissuti dai suoi amici: la cura, la comunità, la ripresa e poi la ricaduta. Un copione che riproduce la fragilità indotta dall’assunzione di sostanze stupefacenti, dalla ricerca talvolta di una dose, che com’è accaduto tante volte, può rivelarsi fatale. Ora lavorava per la cooperativa Giotto e aveva il desiderio di iscriversi a un corso serale per recuperare gli studi interrotti, e diplomarsi.

Quando N.A. è stato trovato morto, erano le 14.00 di giovedì. L’ha scoperto lo stesso amico che aveva trascorso con lui una notte ‘travagliata’, dall’assunzione di sostanze, così ha dichiarato alla polizia e agli operatori del Suem, lui ha cercato di svegliarlo, di scuoterlo, ma il suo amico purtroppo, non si è più svegliato.

La polizia sta indagando per capire chi possa aver, eventualmente, venduto una dosa killer ai ragazzi, purtroppo nel mondo dei fragili, entrano spacciatori spregiudicati e assassini che approfittano della debolezza e dello smarrimento dei giovani.

L’ultimo incontro del ragazzo con la sua famiglia è avvenuto così, dentro un capannone abbandonato “dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi” come dice Fabrizio De André in una sua canzone, è avvenuto dentro una storia che sembrava avere tutte le caratteristiche per un lieto fine.
A differenza di altre storie di vita amare, di affetti feriti, di famiglie inesistenti, di disagio psicologico e sociale dove un bambino, un ragazzo diventa vittima dell’altrui e sua infelicità, questa era davvero tutta un’altra storia.

La sua casa a Pianiga, i suoi genitori, la sorella e il fratello sembravano essere l’antidoto al disagio, all’infelicità che colpisce chi ne è vittima, anche se a volte non è semplice comprendere i risvolti più profondi dell’animo umano. I genitori avevano a cuore N, come gli altri figli che quel fratello l’amavano. E a voler entrare in punta dei piedi dentro quella famiglia, si può solo immaginare quanto bruci e brucerà la ferita della separazione.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Ringrazio Antonella per il affettuoso e fin troppo generoso commento. E ringrazio anche Gino, che sempre, in libertà e giustamente, esprime le sue idee che mi invitano alla coerenza. Penso che la democrazia sia un processo faticoso, di comprensione della società e della fatica di capire quale possa essere la via più giusta da praticare. E non è solo un problema di magistrati, avvocati, giuristi, riguarda tutti noi. In quanto al pianto, sì, piangere per un ragazzo di 19 anni che muore, si deve. E con lacrime vere.
    Grazie per l’attenzione.

  2. gli spacciatori agiscono alla luce del sole, ma una certa parte politica li difende a spada tratta e approva le leggi che li lasciano liberi e belli di delinquere, in attesa di processi che si concluderanno con l’ennesimo patteggiamento. Delle due l’una, o si mette in galera chi vende la morte in bustina, o la si smette di piangere per il destino cinico e baro che ci fornisce la lista quotidiana delle vittime della droga.

  3. Mi congratulo con la redazione per questo e altri articoli scritti dalla vostra giornalista Andreina Corso, per l’interesse che riesce a trasmettere e la sensibilità dei suoi pezzi. Ogni volta che la leggo, mi trovo a pensare, a riflettere su quel che scrive e mi piace. Ho sentito il bisogno di dirvelo e vi ringrazio.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Ore 12, settanta persone al Pala Expo si alzano in piedi e si mettono a cantare: è il coro della Fenice che ringrazia il...

Come in un flash mob, bello perché sorprende ed emoziona. Improvvisamente e inaspettatamente 70 persone, che parevano in attesa del proprio turno, a mezzogiorno si sono alzate in piedi e si sono esibite per mezz'ora a sorpresa, in mezzo allo stupore degli...

Venezia e la crisi del turismo: una guerra a colpi di ribassi

Venezia, la crisi del turismo, ovvero: hotel a “tre stelle” per 23 euro. Chi pensava che il turismo a Venezia avesse già toccato il fondo sarà costretto a ricredersi. La drastica diminuzione degli arrivi unita alla saturazione del mercato ricettivo hanno...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...