Zaia sciolga ambiguità: se è dalla parte della legge lanci il Pdl di Guadagnini. Vedremo se la Lega voterà contro

“Visto che il presidente Zaia dichiara di stare dalla parte della legge
‘senza se e senza ma’, lo invitiamo a passare dalle parole ai fatti: inviti
i suoi a mettere subito all’ordine del giorno il Pdl del consigliere
Guadagnini sull’indipendenza del Veneto e la Lega esprima voto contrario in
aula”. A dirlo è Graziano Azzalin, consigliere del Partito Democratico a
proposito delle dichiarazioni del governatore sul referendum di ieri in
Catalogna.

“Zaia si è affrettato a rimarcare le differenze con la consultazione del 22
ottobre, sottolineando come quest’ultima sia perfettamente legale e che si
andrà alle urne per l’autonomia e non per l’indipendenza. Visto il barlume
di saggezza, vorremmo approfittarne per dirgli di uscire una volta per
tutte dall’ambiguità e prendere le distanze da quanto propone il
consigliere Guadagnini, esponente della sua maggioranza. Il suo Pdl 287
parla chiaro fin dal titolo: ‘Indizione di un referendum consultivo
sull’indipendenza del Veneto’. E la relazione che l’accompagna non è da
meno, attacca l’articolo 5 della Costituzione, quello sull’indivisibilità
della Repubblica, che ne pregiudica, secondo Guadagnini la ‘presunta natura
liberal-democratica’ “.

“Se Zaia dice di muoversi all’interno della legge sia
conseguente – insiste Azzalin – faccia mettere all’ordine del giorno in
Consiglio questo progetto di legge e vedremo cosa voteranno la Lega e la
lista che porta il suo nome. Infine, visto che ama citare Einaudi, lo
invito a leggere con più attenzione quanto diceva a proposito dello Stato e
della sovranità indivisibile: chissà che non cambi idea anche sull’inutile
referendum del 22 ottobre”.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here