Voce del Verbo di oggi: Perdere. 2a coniugazione, Modo infinito. Di Andreina Corso

ultimo aggiornamento: 20/03/2015 ore 07:03

112

ragazzo disperato salvato dal suicidio

Voce del Verbo
Perdere
Seconda coniugazione Modo infinito

Perdere la faccia, perdere la pazienza e poi ancora perdere la casa e la clemenza.
Perdere per ritrovare, perdere per dimenticare.
Perdere le chiavi di casa, la bussola e la misura.
Perdere + si, ecco che le parole finiscono così.
Perder-si nel tramonto, nell’oblio e nel firmamento, perdersi per strada e perdere l’indirizzo.


Se ci si perde, poi ci si ritrova, beato si, che supera ogni prova.
Un si quasi fisso, sedia a dondolo dei Verbi riflessivi, in quanto riflettono e (si) collocano in uscita. Abbiamo così pensar-si, trovar-si, riconciliar-si…
Se quel si vuol dire noi e affermativo non è, perché l’accento non c’è, fa il miracolo della trasformazione. Non è più neutro un verbo con quel si che lo ha addomesticato, rinato dall’infinito in are ere e ire, non proprio semplice da digerire.
Eppure per gioco e un po’ per davvero le parole ci interrogano per intero.
Spingono forte sul nostro pensiero e tanta è la fatica che ci si addormenta per davvero.

Andreina Corso

19/03/2015


Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here