19.2 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Voce del Verbo di oggi: Maltrattare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina CorsoVoce del Verbo di oggi: Maltrattare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

violenza sulle donne

Voce del Verbo
Maltrattare
Prima coniugazione Modo infinito

Tra le forme più odiose di questo verbo così praticato ed esercitato, ci sono i sospetti, le diffidenze, l’ignorare… per dirne solo alcuni.
Il maltrattamento morale e fisico si sostituisce alla parola, all’educazione, al rispetto.
I più colpiti sono i vecchi e i bambini, che subiscono, per mancanza di forza e di voce, volontà e pretese altrui, cioè di quelli che non disdegnano il maltrattamento, anzi, talvolta lo ritengono utile, educativo e a fin… di bene!

E ora, impossibile evitare l’argomento, vogliamo pensare a quante donne maltrattate esistono al mondo? Possiamo individuarle intente a svolgere in tutti i tempi il loro ruolo di donne, madri, figlie e compagne dei loro uomini.Le osserviamo di generazione in generazione a sopportare di tutto: la fatica, la rinuncia, il mancato riconoscimento per ciò che fanno e sono. A loro si è affidato, come un destino incontestabile, il lavoro di cura.
Su di loro si è esercitata e si esercita la violenza e come leggiamo tutti i giorni, diritto di morte.
Come capovolgere questa condizione, cosa riusciremo a fare per invertire questa temibile rotta?
Urge un ripensamento su chi siamo, sull’educazione che trasmettiamo ai nostri figli e alle nostre figlie, su ciò che si impara a scuola, ma soprattutto c’è un gran bisogno di ricerca di quell’armonia umana che ci chiede uno sforzo: quello di ricordarci che l’altro, l’altra, ci riguardano. E che talvolta è nelle nostre mani il loro destino.
Mal trattare – Trattare male.
Un verbo senza civiltà.
Da evitare, da denunciare, da contrastare, da rieducare alla responsabilità.

Andreina Corso

30/10/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Oltre alle tante forme di maltrattamenti fisici, quella morale è una forma subdola, spesso non captata, sottovalutata.
    Potremmo essere più pazienti, più tolleranti, metterci più buona volontà, invece a volta l’ira e la sopraffazione hanno il sopravvento.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.