Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Venezia, sempre più turisti ma sempre meno fatturato per gli alberghi. Arrivi in città aumentati dell’11% negli ultimi due anni.

«Il 2017 si conferma un anno da record, che resterà nella storia. Ma le presenze non vanno di pari passo con il fatturato e preoccupa il calo che si sta registrando nel 2018».

Così Claudio Scarpa, direttore dell’Associazione veneziana albergatori, commenta i dati sul turismo diffusi dall’assessore del Comune di Venezia, Paola Mar.

Il bilancio delle presenze a Venezia è aumentato dell’11,2% tra il 2016 e il 2017, a conferma di un anno eccezionale sul fronte degli arrivi. Ma in questo 2018 il trend è in evidente calo, assestandosi finora sul -15% di fatturato.

«Preoccupa il forte aumento di posti letto in strutture extra-alberghiere, passati da 22.532 a 32.502 con un totale di strutture ricettive quasi raddoppiate, passando dalle 3.705 alle 6.005 in 12 mesi, un incremento improvviso mai registrato prima – aggiunge Scarpa -. È evidente il cambio di modello di turismo cittadino e lo spostamento del flusso su un sistema “mordi e fuggi” che non porta ricchezza. Un fenomeno che denunciamo da tempo. Non possiamo cantare vittoria per l’aumento del numero di presenze turistiche in città se non va di pari passo con la qualità e con il fatturato. A fronte di un utile d’impresa diminuito del 15%, è necessario aprire con urgenza un dibattito sul futuro dell’economia turistica cittadina».


ultime notizie venezia

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here