25.3 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Venezia, continua l’esodo: sotto 55mila abitanti. Manifestazione sabato

HomeNotizie Venezia e MestreVenezia, continua l'esodo: sotto 55mila abitanti. Manifestazione sabato

Venezia, continua l'esodo: sotto 55mila abitanti. Manifestazione sabato

Non trova pace la città vera, la Venezia spogliata dalla sua naturale esigenza di armonia che nei secoli l’ha legata ai suoi abitanti e ai suoi ospiti, la Venezia ferita dall’eccesso e dalla confusione dell’offerta ricettiva che sta distruggendo il suo tessuto artistico e culturale. Non si quieta la Venezia “abusata” da 30milioni di turisti all’anno, da offerte commerciali scadenti, imitazioni del vetro di Murano, pezzi fatti in serie venduti come oggetti artigianali, mentre i 55.000 veneziani che sono riusciti a rimanere a Venezia assistono preoccupati al decadimento della loro città.

E non intendono stare a guardare. L’appuntamento è per sabato 12 alle 11 e 30 a San Bortolomio, campo significativo anche grazie alla Farmacia Morelli, che nel 2008, su iniziativa di un gruppo di veneziani, ha ospitato un contatore che ha monitorato il numero dei residenti, fornendo una lettura chiara dell’esodo dei veneziani.

Quell’anno, il 2008, segnava 60.700 residenti, e registrava inoltre il dato più rivelatore : nel 1960 i residenti erano 145.400. La curva inesorabile ha segnato la storia abitativa della città e non a caso, già nel 2009, per protestare contro l’esodo, l’Associazione Venessia.com, ha inscenato un funerale lungo il Canal Grande, con tanto di gondola e bara, accompagnato da un lungo corteo di veneziani che chiedevano ai politici di intervenire, di offrire opportunità, alternative a quella che già mostrava di essere la decadente realtà.

Da San Bortolomio, verso Piazza san Marco sabato, oltre 15 associazioni convogliate nell’interrogativo amaro “Togliamo il disturbo?”, accompagnate da un doge con la valigia in mano che lascia la città salendo su una gondola.
Un gesto simbolico e polemico nei confronti dell’amministrazione comunale e di quanti approfittano della città per le loro speculazioni, tagliando fuori dal cerchio magico e vantaggioso, i bisogni stessi dei veneziani.

Moltissimi i partecipanti: dall’Assemblea sociale della casa ai Fotografi del collettivo “Awakening”, che hanno attaccato per la città foto di denuncia, da Ambiente Venezia ai No Navi, a Venessia.com. Non mancheranno i giovani di generazione ’90, già promotori di una manifestazione cittadini di protesta, accompagnata dai carrelli della spesa, efficace provocazione sui problemi della residenzialità.

I manifestanti sanno che esistono 700 abitazioni di proprietà comunale (ma anche moltissime dell’Ater) che potrebbero essere assegnate ai veneziani, chiedono ai politici di tassare chi affitta in modo speculativo ai turisti e la nascita di un soggetto unico in grado di convogliare tutte le risorse abitative in essere per poi affittarle ai veneziani.

Intanto il Comune ha pubblicato il bando per l’assegnazione di 71 alloggi e nel contempo inizierà i lavori di restauro di altri 300 , tenendo conto che per questo provvedimento servono 10milioni di euro.

Dentro tutte queste ragioni si muove essenzialmente “il problema Venezia”, che per essere risollevato dai suoi tanti pesi, andrebbe ripensato, cominciando dal suo spopolamento, dai flussi turistici riorganizzati, dalle ricette turistiche, dal problema della casa, del lavoro, delle offerte “altre” culturalmente accessibili rispetto l’esistente.

Una rivoluzione culturale sembra premere alla porta di una città che tenta di ribellarsi ad una condizione che le sta togliendo tutta l’energia costruita nei secoli e l’ha reso tanta straordinaria e ricca di una preziosità oggi ignorata e calpestata.

Andreina Corso

10/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.