Venezia, in bici da Favaro a Dese con la ciclopedonale del progetto “Biciplan”

ultimo aggiornamento: 31/05/2020 ore 07:24

222

Biciplan città metropolitana venezia favaro dese
Venezia, in bici da Favaro a Dese con la ciclopedonale del progetto “Biciplan” della Città Metropolitana.

Entro il mese di giugno la Città metropolitana avvierà i lavori del secondo stralcio per il completamento del percorso ciclopedonale che unisce Favaro a Dese lungo la Strada Provinciale 40 via Altinia. Partendo dalla chiesa fino all’imbocco della tangenziale il percorso raggiungerà la rotatoria dove esiste già un sottopasso ciclopedonale che scorre al di sotto della bretella aeroportuale, e che consente, poi, di accedere alla rete ciclabile dei comuni di Marcon e di Quarto d‘Altino.

L’opera della ciclopedonale di Dese è un investimento complessivo di 600 mila euro, suddiviso in due stralci da 300 mila euro, a conferma di una promessa che il Sindaco del Comune di Venezia e della Città metropolitana Luigi Brugnaro fece il 13 maggio dello scorso anno ai cittadini di Favaro e di Dese all’inaugurazione del tratto di 2,5 km di pista ciclabile che ha consentito di unire il lato ovest di via Altinia fino alla chiesa di Dese.

In questo caso la realizzazione della pista venne resa possibile da un cofinanziamento: 825.000 euro dall’Unione Europea – Fondo Europeo di Sviluppo regionale (Fesr), nell’ambito del Programma operativo Città Metropolitane 2014-2020 (Pon-Metro), dedicato alla sviluppo urbano sostenibile; 600.000 dalla Città Metropolitana di Venezia; 330.000 dalla Regione Veneto, per un totale di 1.755.000 euro.

Ora l’ultimo atto, gli ultimi 700 metri di percorso in cui, prima verrà realizzata la parte ciclabile lungo la Sp 40 dopo il ponte fino alla tangenziale compresa la manutenzione e il ripristino del sottopasso sotto la bretella, e quindi la passerella esterna al ponte sul fiume Dese.

L’intervento metterà definitivamente in sicurezza il percorso ciclabile lungo la Strada Provinciale 40 via Altinia rispondendo non solo alle tante richieste dei residenti ma anche e soprattutto tenendo fede a quelle che sono le linee guida del Piano Strategico metropolitano in cui si auspica la realizzazione di nuove opere che favoriscano al massimo la mobilità ciclopedonale in condizioni di sicurezza.

“Ad un anno di distanza dall’inaugurazione del percorso che ha finalmente risolto il nodo del collegamento ciclabile tra Favaro e Dese apriamo un nuovo cantiere come Città metropolitana mantenendo la promessa fatta ai cittadini di Dese – spiega il sindaco della Città Metropolitana, Luigi Brugnaro – Un investimento che siamo riusciti a fare grazie ad un bilancio positivo, a dei conti in ordine, con debito zero, che abbiamo costruito in questi cinque anni di amministrazione. Aumentare i chilometri di percorso ciclabile in tutto il territorio metropolitano è un ulteriore passo in avanti verso la connessione delle nostre ciclabili con i grandi assi europei ciclopedonali compreso quello che va a Monaco e passa per Cortina. Nel Comune di Venezia per incentivare sempre di più la multimodalità sostenibile dei trasporti da giugno saranno messe a disposizione dei cittadini mille nuove biciclette con servizio di bike sharing e da luglio 400 monopattini elettrici, aumentando al contempo il numero di rastrelliere”.

La passerella che verrà realizzata sul fiume Dese sarà esterna al ponte, in acciaio per una lunghezza di circa 25 metri e una larghezza di 3 metri. Avrà un parapetto realizzato mediante un carter in acciaio verniciato tipo Corten e sarà illuminata da luci a led. I lavori non interferiranno con il traffico e non saranno necessari cantieri e deviazioni della viabilità, tranne che per alcuni giorni in cui ci sarà il varo della passerella.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here