giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Venezia, a Zappalorto mancano 60 milioni

HomeNotizie Venezia e MestreVenezia, a Zappalorto mancano 60 milioni

Venezia, a Zappalorto mancano 60 milioni

Il comune di Venezia ha sforato il patto di stabilità per circa 60 milioni di euro e le decisioni future, in merito al bilancio 2015, dipenderanno dalle scelte del governo sulla materia.
Questa la sintesi del discorso del commissario prefettizio Vittorio Zappalorto in un briefing con la stampa.

Per Zappalorto l’indebitamento è frutto in parte della gestione 2014 ma soprattutto degli 80 milioni passivi di euro accumulati negli anni precedenti. «Si attende ora – secondo Zappalorto – le decisioni che il governo prenderà sul “caso Venezia” e quindi sulla riduzione di trasferimenti da una parte e sulle sanzioni per lo sforamento dall’altra. In base alle decisioni governative – ha sottolineato Zappalorto – la gestione commissariale avrà due strade, la prima a fronte di un eventuale “salva Venezia” porterà alla redazione di un bilancio per il solo 2015 se il governo in qualche modo colmerà parte del vuoto economico creato; la seconda, se ciò non accadesse, sarà quella di progettare un bilancio in progress su più anni. Entrambe le opzioni verranno lasciate in eredità, per l’approvazione politica, alla nuova amministrazione che si insedierà a Cà Farsetti con le elezioni amministrative di maggio prossimo».

Cosa ha contribuito a rendere così pesante il bilancio di Venezia?
Ad ‘appesantire’ il bilancio del Comune di Venezia, negli anni, è stata la Legge speciale che, nata prima del patto di stabilità, è poi diventata uno strumento da 202 mln di pagamenti che sono diventati una sorta di ‘peso’ nel bilancio.

A ciò si aggiunge, in termini diversi, la partecipata Cmv, società immobiliare che gestisce anche le sedi del Casinò, che genera passivi che pesano sul bilancio.

Il percorso del bilancio 2015 quindi, se per la Legge speciale non potrà tener conto – secondo Zappalorto – potrebbe invece incidere sulla gestione della Cmv con decisioni che rigardano ad esempio la vendita o meno di immobili o terreni, anche funzionali alla casa da gioco, acquisiti in passato.

Per Zappalorto, di fatto, il destino di Venezia è legato a doppia mandata a quello del Casinò e il tutto si collega a quanto il Governo deciderà sul futuro di Venezia e i relativi atti che il Commissario quindi potrà fare nonostante l’uscita dal patto di stabilità.

«Unica certezza al momento – ha sottolineato Zappalorto – è quella che non si andrà a tagliare là dove si è già fatto. Il sociale quindi non dovrebbe più essere toccato dal bilancio, mentre oltre alle sorti del Casinò potrebbe entrare in gioco, a caccia di denaro, il personale o le poche altre municipalizzate dove è ancora possibile intervenire agendo sul controllo di spesa ed utilizzando sinergia tra le stesse».

Monica Manin

[08/01/2015]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Da lunedì niente mezzi senza Super green pass: la rabbia dei residenti delle isole

Cattive nuove per gli abitanti nelle isole della laguna sprovvisti di Super green pass: da lunedì non potranno salire sui mezzi di trasporto. Vivere in un’isola e non poter salire sui mezzi di trasporto per recarsi al lavoro, andare a scuola, o...