10.2 C
Venezia
martedì 26 Ottobre 2021

Venezia, 20enne devasta la biglietteria e minaccia gli agenti con un’asta: arrestato

HomearrestiVenezia, 20enne devasta la biglietteria e minaccia gli agenti con un'asta: arrestato

Venezia, 20enne devasta la biglietteria della stazione di Santa Lucia e ruba l’incasso.
Un ragazzo di 20 anni, senza fissa dimora e con numerosi precedenti penali per reati contro la persona, il patrimonio ed in materia di stupefacenti, è stato arrestato dalla Polizia Ferroviaria per furto aggravato compiuto agli sportelli della biglietteria di Trenitalia, sita nella stazione di Venezia S. Lucia e per e resistenza a pubblico ufficiale.
Domenica scorsa il giovane si è presentato di prima mattina, agli sportelli della biglietteria in un’evidente stato di agitazione ed ha chiesto con insistenza denaro agli addetti della biglietteria, i quali hanno prima cercato di calmarlo e poi per mettere fine alla situazione che si faceva via via più difficile da gestire, si sono allontanati dalle loro postazioni, nella speranza che ciò lo facesse desistere.
Indispettito invece dal loro atteggiamento, il 20enne ha dato in escandescenza: ha staccato un’asta di metallo da uno dei pannelli informativi e ha cominciato a colpire violentemente tutte le suppellettili e a

rovesciare i monitor dei computer. Il giovane ha poi scavalcato il bancone di una delle postazioni e si è impossessato di una somma di denaro, utilizzato dal personale per fornire il resto agli utenti.
Gli agenti della Polizia Ferroviaria, in servizio di vigilanza all’interno dello scalo, sono intervenuti e hanno fermato il 20enne, malgrado questi, continuando a brandire l’asta metallica, cercasse di allontanarli da sé per darsi alla fuga.

Accompagnato negli uffici della Polizia Ferroviaria e compiutamente identificato, il giovane, risultato pluripregiudicato, previo avviso al Pubblico Ministero di turno, è stato tratto in arresto ed accompagnato nelle camere di sicurezza della Questura di Venezia, in attesa del rito per direttissima.
Il 20enne è stato condannato a due anni e un mese di reclusione da scontare in carcere.
Nell’ultima settimana il personale del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto, sempre impegnato anche in attività di vigilanza a bordo dei treni e di pattugliamento lungo le tratte ferroviarie di competenza, ha svolto, durante i controlli, 1 arresto, 11 indagati, 2.172 persone controllate e 219 servizi di vigilanza nelle stazioni,

di cui oltre una decina i servizi antiborseggio, attuati in abiti civili.
Sono state indagate per furto aggravato in concorso quattro donne, di cui due minorenni. Le stesse sono state riconosciute responsabili di un furto, avvenuto a bordo di un convoglio in sosta nella stazione di Venezia-Mestre, ai danni di una viaggiatrice, alla quale hanno sottratto la borsa, contenente oggetti preziosi e un’ingente somma di denaro.
Nella settimana appena trascorsa, e precisamente il 25 e 26 novembre, ha anche avuto luogo l’operazione denominata “RAILPOL -20th Action Day 24Blue” che ha visto 88 operatori del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto impegnati in un’attività straordinaria di controllo effettuata in 23 scali ferroviari e su 75 convogli, 394 sono state le persone controllate. L’operazione, disposta su tutto il territorio nazionale dal Servizio di Polizia Ferroviaria nell’ambito della collaborazione internazionale di Polizia, ha lo scopo di prevenire e contrastare i fenomeni criminosi maggiormente ricorrenti in ambito ferroviario.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements