6 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Trieste, si cambia: manifestazioni sì ma solo con la mascherina

HomeL'ordinanzaTrieste, si cambia: manifestazioni sì ma solo con la mascherina
la notizia dopo la pubblicità

Mascherine obbligatorie nelle proteste a Trieste da oggi, ma la prova del fuoco si avrà sabato con l'arrivo di migliaia di partecipanti

Manifestare sì, ma con giudizio e nel rispetto delle regole anti-Covid.
Le autorità del Fvg lo avevano annunciato nel corso della conferenza del primo novembre e così è stato.
Dunque, a due giorni dal decreto prefettizio che vieta manifestazioni in piazza Unità d’Italia, a Trieste, il sindaco, Roberto Dipiazza, ha emesso una ordinanza che non limita la libertà di espressione ma ne regola le modalità.
Chi manifesta dovrà farlo indossando la mascherina e rispettando il distanziamento sociale.

Lo si fa per ogni manifestazione pubblica istituzionale e no, lo si farà anche per cortei e assembramenti no Green pass e no vax.
L’ordinanza è in vigore dalla mezzanotte fino al 30 novembre e stabilisce che gli organizzatori prevedano la presenza di personale riconoscibile che controlli appunto, il distanziamento interpersonale tra i partecipanti e che questi indossino le mascherine.
Il personale dovrà essere in numero non inferiore al rapporto 1 a 100 rispetto al numero dei manifestanti; i loro nomi dovranno essere consegnati alla Questura.

Chi non osserverà queste indicazioni incapperà in una sanzione amministrativa pecuniaria il cui importo oscilla da 400 a mille euro.
Il provvedimento è stato accolto in modo morbido dai principali leader della protesta: il Coordinamento No Green Pass Trieste ha annunciato che “chiederà alla piazza che vengano rispettate le misure e il distanziamento”.
Sulla richiesta degli steward ha invece rimandato a un confronto “per decidere” visto che “esistono già forze dell’ordine”. Comunque, “dubitiamo che ottempereremo a questa richiesta”.

Anche Stefano Puzzer, a capo del movimento no green pass “La gente come noi – Fvg” e contrario al vaccino obbligatorio, sembra accomodante: “La mascherina non serve e neanche la distanza, ma ci vorrebbe più chiarezza su tutto quello che sta succedendo”.
Si affida alla libertà di scelta: “Come in porto avevo detto che chiunque poteva lavorare durante la protesta, così penso per mascherine e distanziamento, osservare queste misure nei cortei o simili è una scelta da rispettare”.

La verifica ci sarà sabato, quando si terrà un corteo a Trieste, al quale dovrebbero partecipare forse 10mila persone, anche da fuori regione.

Intanto, dal punto di vista epidemiologico, in Fvg il numero di nuovi casi di Covid è triplicato in un solo giorno, dai 153 di ieri a 483.
E continua a crescere il focolaio dovuto alle proteste: oltre 150 casi.

L’attenzione è alta dovunque in Italia.
A Torino è stata inscenata una protesta simile a quella di Puzzer a Roma, con tavolo e sei sedie vuote. Sono in centro ma il loro intendimento – ‘che ci è stato proibito’ – era di manifestare agli Atp Finals il sostegno a Djokovic, il campione di tennis No Vax.

Il governatore del Veneto, Luca Zaia, starebbe ragionando sull’ipotesi che anche nella sua regione vengano adottati provvedimenti come a Trieste.

E mentre 300 portuali hanno manifestato a Cornigliano in adesione ai no green pass e al neonato coordinamento ‘Resistenza Genova per la Liguria’, a Milano la Questura sta valutando il percorso presentato dai No Green Pass per sabato, quando è previsto il 16/o corteo di fila nel capoluogo, che attraverserebbe troppi luoghi dove ci sono punti sensibili.

Mentre a Novara, altra piazza ‘calda’ per il sabato dei no Green pass, la questura ha autorizzato un presidio ma non un corteo.

continua a leggere dopo la pubblicità

» leggi anche: “Obbligo Green Pass nei trasporti da 1/9, si organizzano proteste e rivolte

» leggi anche: “Non vuole indossare la mascherina, motoscafo fermo, proteste: lui sale sul tetto del mezzo Actv

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mario Nascimbeni
Giornalista professionista, collabora ed ha collaborato con grandi testate nazionali. Ha base operativa a Roma, ma la sua professione lo porta in ogni parte del mondo come inviato o per reportage personali.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi