Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
10.1C
Venezia
domenica 07 Marzo 2021
HomeCronacaTragedia in sala parto, morta partoriente e i due gemelli che dovevano nascere

Tragedia in sala parto, morta partoriente e i due gemelli che dovevano nascere

Tragedia in sala parto, morta partoriente e i due gemelli che dovevano nascere

Altra tragedia avvenuta in un ambiente di ostetricia. Dopo visite mediche ripetute in ben tre ospedali, giovedì intorno alle due del pomeriggio è morta Claudia Bordoni, alla 24 esima settimana di gravidanza. Il decesso è avvenuto all’ospedale Policlinico di Milano. La donna, originaria di Grosio in Valtellina, milanese d’adozione, 37 anni, manager in campo assicurativo, era al primo parto e diventare mamma era il suo sogno. Grazie alla fecondazione assistita era riuscita a restare incinta di due gemelli. Morti nella sua pancia assieme a lei.

Claudia Bordoni Si era affidata alla procreazione medicalmente assistita per riuscire finalmente a coronare il sogno di diventare madre, a 36 anni. Ma la donna non ce l’ha fatta a superare una minaccia di parto prematuro e una successiva e improvvisa emorragia: è morta ieri all’ospedale Policlinico di Milano, dove era ricoverata per complicazioni cominciate all’ospedale San Raffaele di Milano.

La donna doveva partorire due gemelli. I medici hanno cercato di praticare un cesareo d’urgenza che non è riuscito. La donna è morta, come non sono sopravvissuti i due feti, che pesavano soltanto 300 grammi ciascuno.

Era alla ventiquattresima settimana di gravidanza e, a quanto si è saputo, si era recata nei giorni scorsi al San Raffaele perché aveva avuto avvisaglie di un parto spontaneo ma, visto l’aggravarsi delle condizioni, era stata trasferita alla clinica Mangiagalli del Policlinico che è dotata di strutture specializzate e dove esiste anche un reparto di terapia intensiva neonatale, con incubatrici capaci di far sopravvivere anche bambini molto prematuri.

La Procura di Milano ha aperto un’inchiesta dopo l’esposto presentato dai familiari della donna. “Siamo tutti vicini alla famiglia in questo momento di gravissima perdita, così come siamo accanto alla nostra squadra di esperti per dare loro tutto il nostro appoggio”. E’ quanto ha dichiarato in una nota la direzione generale del Policlinico di Milano.

“Abbiamo piena fiducia – si legge ancora nella nota – nell’operato dei nostri medici e delle nostre ostetriche, che hanno reso il nostro Ospedale uno dei migliori e più sicuri punti nascita d’Italia. Non a caso la donna ci era stata affidata da un’altra struttura, proprio perché siamo punto di riferimento per gravidanze in cui sono possibili complicazioni”.

L’ospedale assicura poi di aver “immediatamente avviato un’indagine interna per ricostruire ogni dettaglio della vicenda, e i nostri operatori hanno sin da subito dato la loro piena collaborazione alla Magistratura per tutti i rilievi del caso”. “Ora – ha concluso la direzione generale del Policlinico di Milano – bisogna attendere l’esito delle indagini, per fare luce e capire se questa tragedia rientra in quei casi, per fortuna pochissimi, in cui la medicina non è purtroppo in grado di evitare l’inevitabile”.

Paolo Pradolin | 30/04/2016 |

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

C’è secca, dall’Adige spunta un’automobile con dentro un cadavere

C'era un cadavere all'interno della carcassa di un'automobile riemersa venerdì pomeriggio dal fiume Adige, parzialmente in secca, a Boara Polesine, nel rodigino. La vettura...

Venezia, lite furibonda tra fidanzati in hotel di notte: polizia e malori

Venezia, la pace notturna delle notti in laguna è stata sconvolta qualche giorno fa. In un noto hotel di San Marco è scoppiata una lite...

Dimagrire con il bisturi a Mestre si può, all' Ospedale dell' Angelo

Si chiama chirurgia bariatrica (dal greco: peso, grasso) ed è una specialità recente, che ha avuto un rapido sviluppo negli ultimi...
spot

Brugnaro spegne le Ztl di Mestre: “Stop oppressione commerciale”

La Giunta Bugnaro ha deciso, stop alle telecamere e alle Ztl in centro a Mestre da venerdì 14 aprile fino al 31 luglio prossimo....

Nebbia a Venezia, in laguna salvati passeggeri di 2 barche

Nebbia e foschia hanno causato disagi la scorsa notte nella laguna veneziana. I vigili del fuoco sono dovuti intervenire per salvare gli occupanti di...

ACCOLTELLAMENTO CLAUDIO DEL MONACO | La moglie non è responsabile

Daniela Werner Herrmann non è responsabile per aver ripetutamente accoltellato suo marito Claudio Del Monaco. Il marito, ricordiamo, si è salvato scappando per strada...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Chiesti 11 anni per le tre maestre accusate di violenze ai bambini

Il pm di Palermo Ilaria De Somma ha chiesto la condanna a tre anni e otto mesi per Vita Fuoco, a tre anni e...

Lettera di un veneziano: sono un residente di via Garibaldi a Castello, vorrei spiegare come stanno le cose…

Gentile Direttore, gentili cronisti, sono un residente di via Garibaldi a Castello, e continuo a vedere girare su Facebook immagini e commenti critici sui movimenti che...

Antenna e ripetitori Vodafone a Burano con i carabinieri antisommossa

I residenti dell'isola di Burano avevano, nei giorni scorsi, provato con tutti i metodi civili e democratici ad opporsi all'installazione della nuova antenna 4G:...
spot

Apertura nuovo punto vendita Valfrutta a Cannaregio, Venezia

Di fronte alla maggiore propensione dei consumatori italiani ad acquistare prodotti naturali e biologici, Valfrutta propone un progetto altamente innovativo che valorizza la qualità,...

Venezia, uomo in vaporetto con la pistola: circondato e immobilizzato

In azione gli agenti antiterrorismo che hanno accerchiato e immobilizzato l'uomo che nel frattempo si era già liberato dell'arma

Incendio nave al largo di Chioggia: dato il segnale di abbandono nave

Incendio nave al largo di Chioggia: il segnale di abbandono nave ha segnato il termine delle speranze di poter intervenire in loco arrendendosi al'incendio.