venerdì 28 Gennaio 2022
5.6 C
Venezia

TESTIMONE AD INCIDENTE CHIAMA I CARABINIERI | Ma il responsabile era lui

HomeRegione VenetoTESTIMONE AD INCIDENTE CHIAMA I CARABINIERI | Ma il responsabile era lui

VICENZA | Gridare “al lupo, al lupo” quando in realtà , il lupo sei tu. Un automobilista di Marostica ha dichiarato di aver assistito ad un incidente che ha provocato la morte di uomo, ma in realtà  l'incidente lo avrebbe provocato lui.
E' accaduto venerdì sera, quando il 43enne di Marostica, nella sua Fiat “Multipla”, procedeva nella stessa direzione di una Jeep, un Cherokee che gli stava davanti. Alla guida del fuoristrada c'era Federico Graziani, 47 anni di Thiene. La Jeep improvvisamente esce dalla strada e finisce nel greto del Brenta provocando la morte di Graziani.Il 43enne che gli stava dietro lancia l'allarme e chiama i carabinieri, raccontando di aver assistito all'incidente del veicolo che lo precedeva, e di come questo sarebbe uscito dalla carreggiata piombiando nel fiume.

Ma i carabinieri del nucleo radiomobile di Bassano del Grappa credono poco a questa versione, soprattutto perché, una volta condotto in caserma il testimone, scoprono che la sua Fiat “Multipla” ha dei danni all'avantreno, compatibili con un possibile tamponamento. L'uomo non sarebbe riuscito a spiegare i segni sulla sua macchina, che sarebbero riconducibili all'incidente con la Jeep.

Secondo la ricostruzione degli investigatori, la Fiat stessa potrebbe aver tamponato il fuoristrada, facendolo uscire dalla carreggiata e cadere
nel fiume dopo un volo di circa 8 metri. Per il 43enne di Marostica è quindi scattata la denuncia per omicidio colposo e omissione di soccorso.

Paolo Pradolin
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[28/10/2012]


titolo: TESTIMONE AD INCIDENTE CHIAMA I CARABINIERI | Ma il responsabile era lui
foto: INCIDENTE, RILIEVI (REPERTORIO)


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...