COMMENTA QUESTO FATTO
 

Tassa di sbarco per Venezia si sgonfia: si parte solo a settembre

Tutte le previsioni sono destinate a ridimensionarsi un po’. Venezia avrà la sua ‘Tassa di sbarco’, ma tutta l’applicazione slitta al primo settembre, anziché partire a maggio come inizialmente previsto.

L’entrata in vigore del contributo d’accesso a Venezia perderà così corposi mesi di stagione turistica, e di conseguenza si dimezzano le entrate a 1,5 milioni di euro rispetto ai 3 inizialmente previsti.

Questo quanto previsto dal nuovo Bilancio di previsione del Comune lagunare, approvato dal Consiglio comunale con gli allegati e il Documento unico di programmazione (Dup) per gli anni 2019-2021.

La riapprovazione è stata necessaria “al fine di recepire l’introduzione del contributo di accesso con qualsiasi vettore alla Città antica – informa una nota del Comune – e alle altre isole minori della Laguna, disciplinato dal Regolamento approvato il 26 febbraio 2019 dal Consiglio”.

Al provvedimento è stato collegato un emendamento di Giunta (20 voti favorevoli e 7 contrari) con l’individuazione puntuale al primo settembre del contributo di accesso e la riduzione delle entrate correnti per il 2019 a 1,5 milioni di euro.

La cosiddetta ‘Tassa di Sbarco’ per Venezia ha sollevato sin dall’inizio quesiti tecnico-pratici sulla sua applicazione ed oggi forse arriva la conferma di quanto possa essere complicato dirimerli.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here