5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Tamponi rapidi: si prenotano in farmacia e si eseguono in tre sedi. Ecco come

Hometamponi e testTamponi rapidi: si prenotano in farmacia e si eseguono in tre sedi. Ecco come
la notizia dopo la pubblicità

Tamponi rapidi nelle farmacie veneziane da lunedì grazie ad Ames: tamponi rapidi rivelatori del Covid in tutte e quindici le farmacie territoriali, con altre tre sedi in cui sarà possibile eseguire il test antigenico.
Test del tampone rapido, infatti, anche: in centro storico di Venezia a San Marco 3998 (di fronte il cinema Rossini) dalle 15 alle 19.30, a Mestre accanto alla farmacia Ames numero 7 in Viale Garibaldi 43, dalle 8 alle 14.30 e al municipio di Salzano in via Roma, dalle 8 alle 14.30.
Non occorre la prescrizione medica: da lunedì prossimo, lunedì 11 gennaio 2021, i tamponi veloci si potranno fare in tre punti e saranno prenotabili in tutte e 15 le farmacie.
Sarà infatti possibile per i cittadini dell’area metropolitana di Venezia recarsi in una delle 15 farmacie Ames Spa e prenotare, al costo di 26 euro e senza ricetta medica, il test antigienico rapido per la sorveglianza COVID-19, che sarà poi effettuato con personale infermieristico qualificato nei punti attrezzati di:

– Venezia presso gli ex Uffici Statistica” Salizada del Teatro San Marco 3998 (di fronte alla sala Rossini) dalle 15 alle 19.30.
– Mestre, adiacente alla farmacia Ames n. 7 Garibaldi sita in viale G. Garibaldi n. 43, dalle 8 alle 14.30
– Salzano presso il Municipio sito in via Roma dalle 8 alle 14.30.

In questi punti attrezzati si potrà accedere solo con l’avvenuta prenotazione; gli orari sono per ora provvisori e potranno essere ampliati in caso di maggiore richiesta.
Nello specifico, una volta effettuato presso i tre centri abilitati il tampone, se l’esito dovesse essere negativo al cittadino verrà consegnato un referto che ne accerta il risultato; nel caso, invece, di positività, il cittadino verrà invitato dal personale infermieristico

a recarsi subito a casa per contattare il proprio medico.
In entrambi i casi l’esito del tampone sarà registrato dal farmacista entro tre ore dall’effettuazione del test sul portale dedicato dell’Ulss. Questo importante servizio effettuato dalla farmacia è fondamentale per il monitoraggio dell’epidemia e contribuisce ad un serio lavoro di prevenzione.
“Le nostre farmacie comunali Ames – dichiarano congiuntamente gli assessori alla Coesione sociale, Simone Venturini, e alle Società partecipate, Michele Zuin – hanno, su esplicito indirizzo del sindaco Brugnaro, prontamente aderito, insieme alle farmacie private, al protocollo di Intesa della Regione Veneto, contribuendo a potenziare ulteriormente la capacità di rilevare l’eventuale esposizione a Sars-Cov-2. Una scelta che sottolinea
la volontà di tutta l’amministrazione comunale di essere impegnata nel contrastare la diffusione del virus e, soprattutto, di dare la possibilità a tutti coloro che intendono sottoporsi a test antigienico rapido, volontariamente,

di effettuarlo, a proprio carico, ad un prezzo concordato e senza ricetta medica”.
“Dimostriamo, con i fatti, di essere in prima linea – aggiungono gli assessori – a fianco del governatore Zaia, in questa difficile battaglia che deve trovarci pronti a dare tutti gli strumenti utili ai nostri concittadini. Questo sistema, infatti, non solo consente di potersi sottoporre al test evitando file ed assembramenti, ma anche di aumentare il numero dei test eseguiti dando un contributo importante al contenimento dell’attuale pandemia”.
“Le farmacie comunali di Ames, quelle private e tutti i professionisti che vi operano – sottolineano ancora gli assessori – si confermano un presidio importante per il nostro territorio. Sicuri della risposta da parte della cittadinanza, stiamo già lavorando per aumentare i punti dedicati ai tamponi. Siamo convinti




che questo sforzo organizzativo delle farmacie garantirà un utile supporto alla sanità pubblica e, allo stesso tempo, potrà offrire un valido servizio al cittadino. Per questo motivo, favoriremo anche le farmacie private che necessitassero di utilizzare gazebi e/o strutture su suolo pubblico per l’effettuazione dei tamponi rapidi”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...