mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

Sospesa Cinzia Zincone, Provveditore per il Mose. Grazie a lei le prime “alzate”

HomeMose di VeneziaSospesa Cinzia Zincone, Provveditore per il Mose. Grazie a lei le prime "alzate"

Cinzia Zincone, Provveditore al Mose di Venezia, sospesa per 30 giorni (con possibilità di altri 30) e tra due mesi in "pensione forzata".

Sospesa Cinzia Zincone, e non è proprio un “fulmine a ciel sereno”. Qualche giorno fa era stata presa di mira per la casa per cui paga l’affitto a Venezia.
Ed ora sono di nuovo acque tempestose quelle del Mose, il sistema di dighe contro l’alta marea a Venezia.
Oltre ai problemi tecnici, dunque, ora ci sono quelli di governance.
E’ il Ministero delle infrastrutture a sospendere dall’incarico il Provveditore alle Opere Pubbliche.
Cinzia Zincone, figura centrale nel raccordo col concessionario unico, il Consorzio Venezia Nuova, e braccio operativo del Mims nella gestione della grande opera, diventa “famosa” nella seconda metà del 2020.
E’ lei che dà nuovo impulso al completamento e, soprattutto, alla messa in funzionamento del sistema di paratie mobili.

Ma che non tirasse buona aria per Zincone lo si era capito da una settimana.
Sui media il rincorrersi di indiscrezioni su accertamenti e controlli dell’Agenzia del Demanio sulla casa pubblica che il Provveditore ha in affitto a Venezia, a San Giobbe, non faceva pensare bene.
La casa, in una zona defilata, è stata concessa al funzionario – che dice di aver voluto rinunciare alla sede di rappresentanza – e la Zincone ci paga un canone di 238 euro al mese.
Si può certo dire che la triste storia dei “favori” a Venezia ha visto pagine ben più vergognose.
E’ innegabile, però, che il fatto del funzionario che comincia a dover difendersi per questo attacco poteva essere letto come una ‘avvisaglia’ dell’aria che tirava.

In realtà – dopo la trionfale vetrina per ‘prima’ alzata del Mose il 3 ottobre 2020 – si sarebbero successivamente logorati i rapporti tra le “due donne del Mose”. Cioè tra lei, Cinzia Zincone, e il super-commissario governativo Elisabetta Spitz.
La seconda, altrettanto nota, aveva invece ha il compito di far galoppare i lavori per terminare il sistema.

Poi però, e da qui discende probabilmente la decisione di sospensione, il Mims ha aperto anche un procedimento disciplinare su Zincone, per aver anticipato un pagamento di circa 850 mila euro a un consorzio di imprese che lavora sul Mose, ‘scavalcando’ – è la tesi – il Consorzio Venezia Nuova e venendo meno all’accordo che impedisce pagamenti a un singolo creditore, essendo stato accolta dal Tribunale la proposta di concordato preventivo, presentata dai legali e dal commissario liquidatore del Cvn.

Accuse dalle quali Zincone dice comunque di potersi difendere.
La sospensione dal Provveditorato risponderebbe alla sanzione disciplinare, che in alcuni casi prevede l’allontanamento cautelativo, in attesa del termine del procedimento.


 

Cinzia Zincone, in ogni caso, è in ‘uscita’ dall’incarico a Venezia, essendo vicina al pensionamento.
Al suo posto sarebbe stato già nominato a Palazzo Dieci Savi il sostituto facente funzione: Fabio Riva già responsabile unico del procedimento del sistema Mose dal 2013 al 2017.
Zincone dovrebbe essere sentita al Ministero a Roma tra una decina di giorni.

Intanto, con le aziende del Cvn che aspettano di essere pagate, i lavori di completamento del Mose sono fermi, e ad eccezione di un sollevamento in condizione ‘manuale’ effettuato alla bocca di porto di Chioggia nei giorni scorsi, non vi sono più state prove regolari.

Una situazione che proietta ombre e dubbi sulla rimessa in funzione delle dighe quando arriveranno le prime acque alte a Venezia, verosimilmente tra due mesi.

Vedi anche:

Zincone: “Stamattina alziamo il Mose”. Ultima ora

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Ponte della Costituzione scivoloso, altri lavori. Amore-odio dei veneziani per il Ponte di Calatrava

Ancora guai per il Ponte della Costituzione progettato dall’architetto Santiago Calatrava, che tanto ha fatto discutere i cittadini veneziani, che hanno prima incontrato e poi vissuto gli effetti di un’opera che è costata 11 milioni di euro. Il Ponte era entrato nell’immaginario...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore