8 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Situazione smog resta grave nella nostra città. Lettere

HomeIn CopertinaSituazione smog resta grave nella nostra città. Lettere
la notizia dopo la pubblicità

[Riceviamo e pubblichiamo]
Smog: la situazione nella nostra città, seconda in Italia, resta grave nonostante le chiusure per Covid: polveri in terraferma, biossido di azoto nei canali.
In terraferma in 2 mesi e mezzo sono già fuori legge i dati delle polveri PM 10 in due centraline (via Tagliamento e via Beccaria, con Malcontenta a un solo giorno dai giorni limite).

In centro storico la conferma definitiva: sono prevalentemente taxi e mototopi, con i loro 3 mila passaggi al giorno rilevati in passato, a produrre il pericoloso inquinante che in RIo Novo, da quando è stato rilevato, ha superato per ben 2 anni il livello di legge.
Ma in particolare è dal 20 marzo (a 12 giorni dalla dichiarazione di zona rossa) al 18 giugno che l’aria a Venezia ha beneficiato dell’assenza del traffico in Rio Novo, così tanto da avere una serie di rilevazioni da record di purezza dell’aria, passando dai 122 µg/m3 del 18 febbraio al minimo rilevabile di 2 µg/m3 del 27 febbraio, e con:
– solo circa 237 ore superamento della soglia oraria di legge dei 40 µg/m3 (erano circa 1430 nel 2018, seppur con due giorni e mezzo circa di rilevazioni in meno);
– oltre 1100 rilevazioni valori inferiori a 10 µg/m3 (erano solo 58 nel 2018)
– ben 587 valori orari di biossido di azoto al minimo rilevabile (a 2 µg/m3 ) su 682 nell’intero 2020 (una differenza abissale rispetto ai 282 µg/m3 registrati in passato!)

Il tutto nonostante:
– riscaldamenti accesi (e questa è la prova che non hanno nessun effetto sul biossido di azoto, quindi la responsabilità va tutta al traffico acqueo!),
-un’anomala nube di polveri arrivata dalla Persia dal 27 al 29 marzo 2020 che ha fatto schizzare il livello di polveri rispettivamente a 117,147,134 µg/m3,
mentre invece per il biossido di azoto sono state ininfluenti, facendo persino rilevare valori minimi di 2 e 4 µg/m3 .
Una prova inattaccabile, nonostante i tentativi passati, del fatto che l’inquinamento più pericoloso nei rii di Venezia è dovuto ai natanti per il quale quasi nulla di risolutivo è stato fatto!
Singolare è che nell’O.D.G. dell’odierna IV Commissione in Comune ci siano quasi solo interrogazioni sulle polveri, ma non sul biossido di azoto…: scomodo a qualcuno in centro storico?!

la notizia dopo la pubblicità

Tornando ai dati, facendo un confronto col 2018 (perché nel 2019 c’erano delle ordinanze limitative del traffico) si rileva che in Rio Novo: nel 2018 le ore di superamento del biossido di azoto dei limiti di legge annuo (40 µg/m3 ) rilevate sono state circa il 600 % in più rispetto al 2020. Inoltre, dal 20 marzo al 18 giugno (periodo di zone rosse per Covid) i valori superiori a 80 µg/m3 (pari al doppio dei limite di legge annuo), sono stati circa il 2.200 % in più rispetto allo stesso periodo del 2020. (elaborazioni su dati Arpav).
Servono quindi: – subito ztl nei canali interni e severo controllo con sanzioni delle temperature, a cominciare da negozi, centri commerciali, uffici e luoghi pubblici (2 gradi in meno= 2% di emissioni in meno! – natanti elettrici – attivare le sanzioni tramite le telecamere di “Argos 2” della “Smart Control Room” del Tronchetto – elettrificare le banchine per tutte e navi – ridurre, e non aumentare, il numero di navi in transito a Venezia, se non “Green” -elettrificare i mezzi di terra dell’aeroporto – non espandere l’aeroporto – ridurre, e non aumentare , il numero di voli a Venezia, se non “Green” – avviare la transizione verso navi ed aerei “Green” con bollini sulle emissioni -non cementare più un solo metro di verde nel Veneto, quindi stop alla nuova linea di treni per aeroporto.

Prof. Fabio Mozzatto Venezia

» potrebbe interessarti anche: “Inquinamento: nel nostro Nord Ovest l’aria peggiore d’Europa. Vicenza con un particolato che nuoce alla salute

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.
spot

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?
Advertisements

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"