Serie A: campionato bellissimo. Var protagonista

ultimo aggiornamento: 21/03/2018 ore 19:56

87

Serie A: campionato bellissimo. Var protagonista

Icardi ne segna 4, Ilicic ne segna 3, due gare rovesciate nel recupero, Var protagonista. Basterebbe questo per la trama di un ottimo film su questa giornata di campionato.

Il Napoli approfitta della frenata juventina e battendo il Genoa 1-0 (rete di Albiol) si porta a -2 dai campioni d’Italia.

Per la Champions è ancora tutto in corsa, ed oggi abbiamo bottino pieno per Roma e le due milanesi, mentre la Lazio è frenata in casa dal Bologna, che strappa un 1-1. Biancocelesti a -1 dall’Inter, quarta e con una partita da recuperare.

La Roma senza strafare fa fuori il Crotone; il Milan fa soffrire i suoi tifosi e supera solo alla distanza il Chievo.

L’Inter invece si sblocca e punisce una Samp in crisi con un 5-0 perentorio. Continua la via crucis del Toro, superato in casa dalla Fiorentina mentre l’Atalanta da’ spettacolo a Verona. In chiave salvezza impresa del Cagliari che in fase di recupero raggiunge e supera il Benevento.

Dopo l’approdo ai quarti di Champions, e col pensiero rivolto al Barcellona, la Roma non si distrae e fa il pieno a Crotone con una gara accorta, misurata concedendo pero’ troppo ai calabresi. El Shaarawy torna al gol, come auspicato da Di Francesco, poi la difesa fa qualche errore, ma Alisson e’ in forma mondiale e ci mette una pezza. Alla distanza Nainggolan trova un diagonale che chiude i giochi.

Le dure parole di Spalletti hanno sortito l’effetto sperato e l’Inter si getta alle spalle tre mesi di stenti per risorgere a Genova sulle ceneri di una Samp che, dopo la scoppola di Crotone, ne subisce una ancora più pesante in casa.

Mauro Icardi (103 gol in A) dedica alla squadra che l’ha lanciato in A un poker di gol che rigenera lui e tutta l’Inter, tonica e tosta. Apre le danze Perisic con un gran colpo di testa, poi un rigore sblocca Icardi che replica con un tacco e poi con altri due gol. Samp non pervenuta, e per Giampaolo e’ tempo di correre ai ripari in fretta.

Vittoria sofferta, ma meritata per il Milan che si complica molto la vita dopo essere passato in vantaggio sul Chievo con Calhanoglu. I veneti in due minuti infatti ribaltano la gara: Giaccherini si beve Borini e sul suo cross Stepinski pareggia, poi gran gol all’incrocio dei pali di Inglese.

Il Milan accusa il colpo, poi nella ripresa segna il pari con Cutrone su un tiro rimpallato di Biglia e alla fine Andre’ Silva trova il varco giusto per un successo basilare. Nel recupero Kessie si fa
parare un rigore.

Ennesima prova di forza dell’Atalanta che frustra le speranze di risalita del Verona che subisce una scoppola memorabile. A confezionare il successo sono i due giocatori più in forma: Cristante che sblocca il risultato, e Ilicic che realizza un rigore poi completa la sua tripletta con due splendide conclusioni. Come una ciliegina sulla torta il quinto gol di Gomez. Grande prova anche di Petagna.

Con questo successo agguanta l’Atalanta e rilancia le speranze di Europa League.

Il Toro sprofonda contro la Fiorentina quando sembrava avere agguantato un pari prezioso: quarto ko consecutivo, contestazione dei tifosi, zona Europa League ormai una chimera.

Var protagonista: prima non viene assegnato un rigore per contrasto tra Moretti e Simeone, poi c’e’ un rigore che Veretout si fa parare da Sirigu. Ma sono i viola a fare la partita e passano con Veretout su errore da principiante di Acquah. Poi Belotti riporta a galla i granata ma solo per pochi minuti: nel recupero mani di Anzaldi e rigore che Thereau trasforma con freddezza.

Ennesimo harakiri del Benevento che stava per battere il Cagliari con una grande giocata di Brignola, ma i campani sbagliano il raddoppio e alla fine i sardi confezionano la beffa: prima Pavoletti trova il pari e al 50′ Barella trasforma il rigore.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here