mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Rubano la pensione ad un anziano mestrino e tornano in Romania. Presi

HomeStranieri violentiRubano la pensione ad un anziano mestrino e tornano in Romania. Presi

Nigeriano con coltello fa il finimondo, staccato orecchio a poliziotto

Nella giornata di ieri, la Polizia di Stato ha arrestato un cittadino rumeno pregiudicato ricercato da mesi per la commissione di una rapina avvenuta ad inizio febbraio ai danni di un anziano cittadino nel centro di Mestre.

Si tratta di L.A. di 26 anni, che assieme alla coniuge ventiquattrenne M.C., in questo momento detenuta in Romania ed in attesa di consegna alle autorità italiane per lo stesso fatto, ha assestato l’odioso colpo ai danni dell’anziano mestrino.

I due malviventi avevano pedinato l’uomo e, avvicinandolo con la subdola scusa di chiedere un’informazione, lo avevano colpito con violenza, spinto a terra riuscendo a sottrargli il borsello con all’interno la pensione prelevata poco prima in banca.

Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile, sono riuscite anzitutto a far luce sulle modalità con cui è stata perpetrata la rapina: la vittima ultraottantenne, dopo aver prelevato da uno sportello bancario, era salita a bordo di un autobus di linea che lo avrebbe portato nelle vicinanze della propria abitazione.

Tramite le immagini del circuito di videosorveglianza adibito a bordo del mezzo, è stato riscontrato che i malviventi avevano seguito l’uomo già nel veicolo pubblico, scendendo pochi istanti dopo alla stessa fermata. I due avevano pedinato l’anziano fino all’entrata della sua abitazione, dove poi avrebbero compiuto la rapina.

A seguito degli accertamenti effettuati dai poliziotti, si è potuto pervenire all’identificazione dei due colpevoli, i quali nel frattempo avevano abbandonato il territorio italiano per rientrare in patria.

Il GIP del Tribunale di Venezia ha emesso quindi, su richiesta del PM titolare dell’indagine, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dei due per il reato di rapina aggravata in concorso ed ha avviato le procedure per il Mandato di Arresto Europeo.

La scorsa settimana, i delinquenti sono stati arrestati provvisoriamente dalla polizia rumena, con la quale le autorità italiane hanno avviato le pratiche per la consegna che è stata autorizzata dalla Corte d’Appello di Bucarest e, eseguita in parte nella giornata di ieri con l’arresto del L.A. .

Le procedure si concluderanno definitivamente con l’accompagnamento della M.C. nei prossimi giorni dalla Romania all’aeroporto di Fiumicino.

I due coniugi dovranno rispondere davanti al Giudice del reato di rapina aggravata in concorso.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...