-0.1 C
Venezia
lunedì 25 Gennaio 2021

Ragazza di 17 anni ha ucciso sua madre perchè le aveva vietato i social

Home Cronaca Ragazza di 17 anni ha ucciso sua madre perchè le aveva vietato i social
sponsor

Ragazza di 17 anni ha ucciso sua madre

sponsor

Ragazza di 17 anni ha ucciso sua madre a causa dei social. L’ultimo litigio con la madre la sera prima. La figlia di 17 anni, ha trascorso tutta la notte a pensare a quell’ennesimo rimprovero, dovuto al suo continuo chattare sui social che l’avevano allontanata dai libri di scuola. La madre per costringerla a studiare le aveva sequestrato il telefonino e proibito di utilizzare il computer. All’alba del 25 maggio scorso, approfittando dell’assenza del padre, Luigi, agente della polizia ferroviaria, la ragazzina, probabilmente per vendicarsi dei continui richiami, aveva preso la pistola d’ordinanza del genitore e aveva fatto fuoco contro la madre, Patrizia Crivellaro, 45 anni, infermiera alla clinica Anya di Melito Porto Salvo. Un solo colpo sparato alla nuca.

commercial

La ragazza di 17 anni che ha ucciso la madre, secondo quanto saputo, era rimproverata frequentemente per il cattivo andamento a scuola e, alla fine, per punizione la genitrice le aveva vietato l’utilizzo del computer e del telefono cellulare.
La figlia, una studentessa di 17 anni di Melito Porto Salvo, si è vendicata uccidendo la madre con un colpo di pistola in testa.

Il delitto risale a maggio scorso ma la minorenne è stata arrestata ieri dai carabinieri, che hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale dei minorenni di Reggio Calabria.

Poco prima che la figlia terminasse l’anno scolastico, la donna, si era fortemente preoccupata per il rendimento della ragazza.
Dopo aver rimproverato per l’ennesima volta la figlia, aveva deciso di vietarle categoricamente l’utilizzo del cellulare e soprattutto del computer, con il quale la ragazza passava molto tempo collegata ai social network.

I rimproveri e la privazione del cellulare e del computer, secondo quanto hanno ricostruito i carabinieri, hanno portato la studentessa ad organizzare meticolosamente l’omicidio della madre.

Il 25 maggio scorso la studentessa era da sola in casa con la madre. Mentre la donna stava riposando, la figlia, con la pistola detenuta legalmente dal padre, le spara un colpo di pistola alla tempia.

Dopo il delitto la ragazza chiama lo zio
materno per chiedere aiuto e racconta che la madre è stata uccisa da un misterioso killer “alto due metri”.
La ragazza però viene sentita ripetutamente dai carabinieri i quali riscontrano una serie di incongruenze nel suo racconto.

Inizialmente si era pensato anche ad un suicidio, ma l’ipotesi era stata poi esclusa in seguito ai risultati dell’autopsia.
I carabinieri decidono quindi di intensificare le indagini. Sulle mani della ragazza, attraverso la prova dello stub, vengono trovate evidenti tracce di polvere da sparo.

I carabinieri del Ris di Messina scoprono poi un’impronta del dito indice della studentessa sull’arma del delitto. Una prova ritenuta fondamentale considerato che la ragazza ha sempre negato di avere toccato la pistola.

Tutti gli elementi raccolti e le incongruenze nel racconto fatto dalla studentessa hanno portato all’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare. Il Gip ha disposto anche il trasferimento della ragazza in un istituto penitenziario minorile fuori dalla Calabria.

Alla diciassettenne viene contestato il reato di omicidio volontario, aggravato dai motivi abbietti e futili. Secondo il giudice, inoltre, la ragazza ha premeditato l’omicidio della madre, pianificandolo in ogni sua parte.

Nel momento dell’esecuzione, inoltre, secondo gli inquirenti, avrebbe agito con “lucida freddezza”. Anche stamane, quando i carabinieri si sono presentati a casa per arrestarla la diciassettenne é apparsa fredda e disinteressata.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...
commercial

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

Morte della donna dimessa a piedi dal pronto soccorso, partite le indagini

Ci saranno minuziose indagini conseguentemente al decesso di Fabiana Carone, la povera donna di 52 anni morta dopo aver fatto rientro al proprio domicilio...
sponsor

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto: la mappa aggiornata

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto sono 11. La mappa delle zone sismiche della regione è stata aggiornata dalla giunta regionale, su...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
commercial

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.