mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

Primario nei guai per partecipazione a “No Green Pass”. Altro medico “No Vax” (radiato) denunciato

HomemediciPrimario nei guai per partecipazione a "No Green Pass". Altro medico "No Vax" (radiato) denunciato

Un medico primario con i “No Green Pass“: rischia fino a radiazione. A Pescara denunciato medico radiato “no vax”.
Si sta inasprendo il confronto tra le due (o più) opposte scuole di pensiero in merito ai vaccini e ai “Pass” derivati”.
E non potendo sindacare sul giudizio del libero pensiero delle persone oltre ad un certo livello, ce la si sta prendendo con chi ha avuto un percorso professionale scientifico che “ha la colpa” di alimentare diffidenza e sospetti.
Luigi Garavelli, primario di Malattie Infettive dell’ospedale Maggiore di Novara, secondo quanto riportato dai media, rischia fino alla radiazione dall’Albo professionale.
Il dott. Garavelli si trova nella bufera per aver partecipato alla manifestazione ‘No Green Pass’ di Alessandria.

Dopo l’Asl, anche l’Ordine dei Medici ha annunciato una azione disciplinare nei confronti del primario, che si difende: “non ho partecipato alla manifestazione ma sono intervenuto su richiesta di una conoscente – sostiene interpellato dall’ANSA – per portare una serie di elementi condivisi dalla comunità scientifica. E quando ho detto che sono vaccinato, come mia moglie e i miei suoceri, sono stato fischiato e insultato”.
Ciò a dimostrazione del fatto per cui ci si muove letteralmente in un campo minato quando si prende posizione in un senso o nell’altro.
La versione del dottor Garavelli, laureato all’Università di Pavia nel 1985 e da più di vent’anni direttore di Struttura Complessa di Malattie Infettive dell’ Azienda Ospedaliero Universitaria “Maggiore della Carità” di Novara, sarà analizzata nelle prossime ore da Asl e Ordine dei Medici.
Viene fatto sapere anche che il giudizio riguarderà il fatto che dallo scorso dicembre è in infortunio per una brutta caduta che lo sta costringendo a una lunga riabilitazione.

“Sabato pomeriggio ero ad Alessandria per acquistare, su indicazione della fisioterapista, una ginocchiera adatta alla stagione – racconta Garavelli -. Ho visto un assembramento sotto il municipio e, per l’appunto, una mia conoscente mi ha chiesto di intervenire. Quando ho detto che ritengo la vaccinazione uno dei tanti strumenti fondamentali alla lotta al Covid, sono stato subissato da fischi e insulti. Allora mi sono arrabbiato e sono intervenuto con più decisione, con l’aiuto di un megafono per far sentire con più efficacia le mie spiegazioni. E lo rifarei, perché l’errata comunicazione è stato lo sbaglio più grave commesso durante la pandemia”.
La condanna per la sua presenza alla manifestazione da parte dell’Ordine dei Medici è netta: “Stiamo valutando – spiega il presidente Federico D’Andrea – se esistono i presupposti per un’azione disciplinare e se sarà il caso apriremo un procedimento. Esiste un Codice deontologico che obbliga i medici a tenere determinati comportamenti”.


 

La violazione di queste regole implica l’adozione di misure specifiche: “si va dall’avvertimento alla censura per arrivare alla sospensione e alla radiazione”, aggiunge D’Andrea, ricordando che l’Ordine provinciale fin dal primo momento ha sostenuto la campagna vaccinale”.
Perché “il vaccino è uno strumento importantissimo con il quale i sanitari si possono garantire contro il Covid-19 e, di conseguenza, garantire anche i cittadini. E il green-pass si inserisce perfettamente tra i provvedimenti che si possono adottare per contenere la pandemia”.

Quello del primario di Novara non è un caso isolato. C’è anche un ex medico di 74 anni, radiato dall’Ordine negli anni scorsi per le sue posizioni no vax, tra le otto persone denunciate dalla Questura di Pescara per la manifestazione non autorizzata contro il Green pass che si è svolta sabato nel centro del capoluogo adriatico.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...