8 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Pordenone ad un passo dalla storia, l’Inter passa solo ai rigori

HomeCalcioPordenone ad un passo dalla storia, l’Inter passa solo ai rigori
la notizia dopo la pubblicità

L'Inter cambia: Spalletti nuovo allenatore. I piani nerazzurri per il rilancio

Non sono bastati 120 minuti alla prima in classifica in Serie A per eliminare il Pordenone, quinto in Serie C, dalla Coppa Italia. I nerazzurri, imbottiti di seconde linee, devono fare I conti con una squadra che dimostra di saper stare in campo con buone idee di gioco e senza paura per una sfida alla Scala del Calcio in cui la differenza di categoria non si è vista. Lo 0-0 resiste fino alla fine dei tempi supplementari e i ramarri cedono solamente ai rigori, uscendo a testa altissima da una sfida proibitiva a causa della differenza di valori tecnici.

Spalletti dà fiducia a molti che finora hanno trovato poco spazio in campionato: dentro Padelli, Dalbert, Cancelo, Karamoh e Pinamonti, un’occasione d’oro per farsi vedere dal tecnico contro una squadra che sulla carta non avrebbe dovuto creare problemi all’Inter. Nel Pordenone in campo I migliori per giocarsela a San Siro. Sin dall’inizio si vedono buone trame nel gioco dei friulani, ma sono i nerazzurri ad attaccare per primi con Eder, la cui conclusione viene parata da Perilli, e con Karamoh, bravo a controllare su lancio di Gagliardini ma ipnotizzato al momento clou sempre dal portiere neroverde. Dall’altra parte Formiconi non arriva per un soffio sul suggerimento di Berrettoni e Magnaghi colpisce il palo con una grandissima girata al limite dell’area. Karamoh avrebbe un’altra occasione ma anche stavolta non riesce a sfruttarla, e le squadre vanno negli spogliatoi con un pari giusto in termini di occasioni create.

Spalletti inserisce Brozovic nel secondo tempo, tentando di dare ritmo ad una manovra troppo prevedibile. Il croato entra subito nel vivo del gioco ma colpisce malissimo su assist d’oro di Karamoh, vanificando una buona chance. Sainz-Maza è lesto ad anticipare Cancelo e a raccogliere un pallone vagante in area ma il tocco di Gagliardini fa terminare la conclusione a pochi centimetri dal palo. Ancora Karamoh si divora l’ennesima occasione per segnare, con Perilli sempre bravo a chiudergli lo specchio. Anche Perisic, entrato da poco, si divora il gol spedendo la lato da pochi metri e la porta sembra stregata per I nerazzurri, che però attaccano con più convinzione grazie all’ingresso di forze fresche. Al 90’ nulla di fatto e si va ai supplementari.

L’Inter fa di tutto per non andare ai rigori ma prima Icardi e poi Brozovic non riescono a battere un Perilli in serata di grazia. Alla lotteria dei rigori inizia subito male il Pordenone, con Misuraca che si fa parare il tiro da Padelli. Sbaglia Skriniar e I neroverdi ci credono ma l’errore di Parodi è fatale: Nagatomo segna l’ultimo rigore e passa la squadra di Spalletti.

Il Pordenone è riuscito a non subire gol a San Siro dall’Inter in Coppa Italia, impresa che non riusciva dal 2008 quando la Lazio riuscì a tenere la porta inviolata. Occasione sprecata da molti dei nerazzurri per dimostrare il proprio valore, forse gli avversari sono stati sott

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Federico Baldan
Laureato magistrale in Lingua e Letteratura Inglese e Postcoloniale a Ca' Foscari. Esperto di sport, videogiochi, fumetti.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."