Pericolo terrorismo, un fermato a Mestre

ultimo aggiornamento: 07/05/2015 ore 19:08

126

Pericolo terrorismo, un fermato a Mestre

Fermato a Mestre un cittadino albanese di 24 anni, B.R., che avrebbe partecipato alla preparazione di alcuni attentati commessi il 10 febbraio scorso a Tirana ai danni di una farmacia di proprietà del padre del Ministro dell’Interno albanese Saimir Tahiri, e della stazione degli autobus della capitale albanese, con bombe attivate grazie a un telefonino.

Il 22 e 24 febbraio 2014 era stato fermato insieme a due suoi connazionali, un anno prima che il tribunale di Tirana emettesse (il 25 febbraio 2015) un mandato di cattura internazionale per i reati di attentato con finalità di terrorismo e partecipazione ad associazione criminale.


È stato comunicato dal Viminale che probabilmente B.R. è ancora in contatto con due cittadini albanesi: un 22enne residente a Mestre regolare in Italia, ma con precedenti per uso di documenti falsi ed un 19enne, residente a Venezia, regolare in Italia e con fedina pulita.

Ad aggiungersi alla preoccupazione per il presunto terrorista albanese, anche il timore che arrivi A.D., siriano 41enne, già presente nella lista dei foreign fighters censiti a livello internazionale. Il siriano, già residente in terraferma, sarebbe andato a combattere in Siria più volte, entrando nel suo Paese anche dal confine turco ed ora potrebbe fare ritorno in Italia dalla Svezia.

Dal Viminale il procuratore anti-terrorismo Adelchi D’Ippolito, vuole rassicurare tutti dicendo: «Non c’è alcun motivo di allarme, il livello di attenzione è massimo e al momento non c’è alcun riscontro specifico».


Sara Prian

07/05/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here