20 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Padre si spara alla testa durante videochiamata con figlia di 6 anni. Dramma a Torino

HomesuicidioPadre si spara alla testa durante videochiamata con figlia di 6 anni. Dramma a Torino

Padre si spara alla testa come nel più “classico” dei suicidi, solo che per farlo ha scelto l’attimo più traumatico e traumatizzante : durante una videochiamata con la figlia. E’ accaduto a Torino.
Il folle gesto messo in atto per ‘punire’ la madre che era uscita dal rapporto in maniera complicata, denunciando anche l’uomo per maltrattamenti.
L’uomo ha scritto un biglietto per la famiglia, rivolto per vendetta all’ex compagna che lo aveva lasciato. Lei, nella sua costruzione mentale, era colpevole della sua infelicità. Poi ha telefonato ai figli e durante la videochiamata si è sparato alla tempia.
E’ morto così un uomo di 53 anni residente in un Comune del torinese.
La vittima era stato denunciato dalla moglie per maltrattamenti e da qualche tempo era

alle prese con problemi di salute, come riporta il quotidiano La Stampa.
Dalla scorsa estate la famiglia si era separata: la donna e i tre figli, tutti minorenni, avevano trovato ospitalità in una struttura protetta dal momento che, dopo la denuncia, era scattato il “codice rosso”, la procedura che tutela le donne vittima di violenze.
L’altra sera, al telefono con la figlia di sei anni, l’uomo si è sparato con una pistola non denunciata.


(Rip.)

Padre si spara alla testa come nel più “classico” dei suicidi, solo che per farlo ha scelto l’attimo più traumatico e traumatizzante : durante una videochiamata con la figlia. E’ accaduto a Torino.
Il folle gesto messo in atto per ‘punire’ la madre che era uscita dal rapporto in maniera complicata, denunciando anche l’uomo per maltrattamenti.
L’uomo ha scritto un biglietto per la famiglia, rivolto per vendetta all’ex compagna che lo aveva lasciato. Lei, nella sua costruzione mentale, era colpevole della sua infelicità. Poi ha telefonato ai figli e durante la videochiamata si è sparato alla tempia.
E’ morto così un uomo di 53 anni residente in un Comune del torinese.
La vittima era stato denunciato dalla moglie per maltrattamenti e da qualche tempo era

alle prese con problemi di salute, come riporta il quotidiano La Stampa.
Dalla scorsa estate la famiglia si era separata: la donna e i tre figli, tutti minorenni, avevano trovato ospitalità in una struttura protetta dal momento che, dopo la denuncia, era scattato il “codice rosso”, la procedura che tutela le donne vittima di violenze.
L’altra sera, al telefono con la figlia di sei anni, l’uomo si è sparato con una pistola non denunciata.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.