6.1 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

A Padova primo divorzio secondo legge marocchina, c’è anche il ‘dono di consolazione’

HomesocietàA Padova primo divorzio secondo legge marocchina, c'è anche il 'dono di consolazione'
la notizia dopo la pubblicità

L'assassino di Gianpaolo Granzo doveva fare 18 anni. Oggi è già fuori

Padova ha registrato un primato oggi: il primo divorzio secondo legge la marocchina, c’è anche il ‘dono di consolazione’ per la sposa che divorzia.

E’ infatti a Padova che per la prima volta il diritto di famiglia del Marocco, e le sue specifiche tradizioni sotto il profilo patrimoniale, è entrato a pieno titolo in un’aula di Tribunale per determinare il divorzio di una coppia del paese nordafricano.

Lui è arrivato in Italia quando era bambino, lei è nata sul suolo italiano da genitori immigrati dal Marocco e ha la doppia cittadinanza. Entrambi poco più che ventenni, si erano sposati nel 2014, ma l’unione era naufragata. Di comune accordo hanno deciso di dirsi addio, contando anche sul fatto che anche in Italia è arrivata nel frattempo la legge sul divorzio breve, che stringe i tempi per rompere un matrimonio, sei o dodici mesi a seconda dei casi.

Ma i due giovani hanno fatto di più: assistiti dagli avvocati Ghita Marziano e Barbara Gerardo, hanno chiesto ai giudici di applicare per il divorzio le regole del Paese di origine.

Il Mudawwana, l’ordinamento del Marocco che regola il diritto di famiglia, prevede il divorzio immediato con una serie di prescrizioni. Il collegio padovano ha accolto la richiesta, applicando un articolo del regolamento europeo, il quale stabilisce che “i coniugi possano designare di comune accordo la legge applicabile al divorzio e alla separazione personale, purché si tratti della legge dello Stato di cui uno dei coniugi ha la cittadinanza al momento della conclusione dell’accordo”.

Non è la prima volta che un tribunale italiano sancisce il divorzio immediato per mutuo consenso di una coppia straniera: la novità sta nel fatto che in questo caso i giudici hanno esteso l’applicazione della legge marocchina anche ai rapporti patrimoniali.

Così nella sentenza è stato riconosciuto il pagamento da parte del giovane di duemila euro, somma che comprende sia il dono nuziale che quello di “consolazione”, che viene determinato – secondo la legge marocchina – in base alla durata del matrimonio e alla situazione finanziaria del coniuge.

Una somma che i giudici hanno ritenuto giusta, dato che il matrimonio era stato assai breve e che gli ex coniugi sono entrambi economicamente autosufficienti.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...