Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
3.8C
Venezia
domenica 07 Marzo 2021
HomesocietàA Padova primo divorzio secondo legge marocchina, c'è anche il 'dono di consolazione'

A Padova primo divorzio secondo legge marocchina, c’è anche il ‘dono di consolazione’

L'assassino di Gianpaolo Granzo doveva fare 18 anni. Oggi è già fuori

Padova ha registrato un primato oggi: il primo divorzio secondo legge la marocchina, c’è anche il ‘dono di consolazione’ per la sposa che divorzia.

E’ infatti a Padova che per la prima volta il diritto di famiglia del Marocco, e le sue specifiche tradizioni sotto il profilo patrimoniale, è entrato a pieno titolo in un’aula di Tribunale per determinare il divorzio di una coppia del paese nordafricano.

Lui è arrivato in Italia quando era bambino, lei è nata sul suolo italiano da genitori immigrati dal Marocco e ha la doppia cittadinanza. Entrambi poco più che ventenni, si erano sposati nel 2014, ma l’unione era naufragata. Di comune accordo hanno deciso di dirsi addio, contando anche sul fatto che anche in Italia è arrivata nel frattempo la legge sul divorzio breve, che stringe i tempi per rompere un matrimonio, sei o dodici mesi a seconda dei casi.

Ma i due giovani hanno fatto di più: assistiti dagli avvocati Ghita Marziano e Barbara Gerardo, hanno chiesto ai giudici di applicare per il divorzio le regole del Paese di origine.

Il Mudawwana, l’ordinamento del Marocco che regola il diritto di famiglia, prevede il divorzio immediato con una serie di prescrizioni. Il collegio padovano ha accolto la richiesta, applicando un articolo del regolamento europeo, il quale stabilisce che “i coniugi possano designare di comune accordo la legge applicabile al divorzio e alla separazione personale, purché si tratti della legge dello Stato di cui uno dei coniugi ha la cittadinanza al momento della conclusione dell’accordo”.

Non è la prima volta che un tribunale italiano sancisce il divorzio immediato per mutuo consenso di una coppia straniera: la novità sta nel fatto che in questo caso i giudici hanno esteso l’applicazione della legge marocchina anche ai rapporti patrimoniali.

Così nella sentenza è stato riconosciuto il pagamento da parte del giovane di duemila euro, somma che comprende sia il dono nuziale che quello di “consolazione”, che viene determinato – secondo la legge marocchina – in base alla durata del matrimonio e alla situazione finanziaria del coniuge.

Una somma che i giudici hanno ritenuto giusta, dato che il matrimonio era stato assai breve e che gli ex coniugi sono entrambi economicamente autosufficienti.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...