Mose, ore 12.25: prova riuscita

ultima modifica: 11/07/2020 ore 07:15

233

mose test paratie escono dall'acqua net 680

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte, dalla control room nell’isola artificiale del Lido, ha premuto il pulsante che dà il via alla prova generale di innalzamento delle paratoie del Mose. Per la prima volta tutto il sistema di 78 dighe mobili entra in funzione alle tre bocche di porto del lido di Venezia, separando la laguna dal mare.


Nel discorso introduttivo, la commissaria alla conclusione del Mose di Venezia, Elisabetta Spitz ha dichiarato: “Il Mose non è finito, ci sono 18 mesi di lavori e test, bisognerà avviare il collaudo tecnico funzionale e poi alcuni anni di rodaggio per l’avviamento, per la progressiva ottimizzazione con procedure trasparenti e controllo rigoroso dei costi”.

La Commissaria ha proseguito “L’opera ha una storia travagliata e controversa, a noi è stato affidato il compito di portarla a termine. Una lunga pagina si chiude, Ringraziamo i veneziani per la lunga pazienza. Con le prove dei prossimi mesi sarà già possibile dal prossimo autunno il sollevamento in caso di maree altissime e salvare dall’acqua alta la Laguna”.


Aggiornamento ore 11.10.
Iniziano a spuntare dall’acqua le grandi paratoie gialle del Mose, che poco fa, con il via dato dal premier Conte, hanno iniziato il sollevamento nella prova generale e alle tre bocche di porto.

I parallelepipedi stanno emergendo piano dal fondale. Quando la schiera sarà completata verrà separata fisicamente la laguna di Venezia dal mare aperto.

Aggiornamento ore 12.00.
“Stiamo lavorando ad una struttura in cui tutte le autorità che hanno titolo, anche locali, parteciperanno alle decisioni”. Lo ha spiegato il premier Giuseppe Conte parlando di quella che sarà la governance del sistema Mose.

“E’ una norma che è stata predisposta – ha aggiunto – la stiamo applicando e vorremmo addirittura inserirla già in sede di conversione del Decreto semplificazione”.

Conte ha detto che sarà “una struttura articolata e composita che raccogliendo le istanze di tutti presiederà alla manutenzione, al funzionamento concreto e anche ovviamente all’approvvigionamento finanziario del sistema”.

Aggiornamento ore 12.15.
mose barriere 10 luglio 680

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha appena commentato: “È iniziato e sta proseguendo il test per alzare in contemporanea le 4 barriere del Mose. Abbiamo seguito le prove singole dei mesi scorsi e tifiamo perché l’opera funzioni”.

conte al test del mose 10 luglio net tw 680

Aggiornamento ore 12.25: test riuscito.
Si è completata alle 12.25 la chiusura di tutte le 78 paratoie mobili nei quattro varchi del Mose di Venezia, nel primo test effettuato oggi alla presenza del premier Giuseppe Conte.

La prima a sollevarsi completamente, alle 12.15, è stata la diga di Lido San Nicolò, con 20 paratoie.

Dopo un minuto era emersa quella di Lido Treporti, con 21 barriere.

Simultaneamente si era posizionata quella di Chioggia, con 18.

Alle 12.25 si è concluso il sollevamento delle 19 dighe di Malamocco.

Aggiornamento ore 12.45: è stata “battaglia navale” con gli antagonisti
Dopo il tentativo di accerchiare la motonave dei tecnici a Malamocco, le barche dei ‘No Mose’ hanno cercato di spostarsi in direzione opposta, verso l’Isola Nuova del Lido, dov’era in corso la cerimonia per la prova generale del Mose, ma senza successo.

“Ci hanno bloccato con tutte le loro forze, inondandoci d’acqua con gli idranti” ha aggiunto Cacciari, riferendosi al blocco opposto dalle forze dell’ordine alla decina di barche della ‘flotta’ della protesta.

“Ora siamo tornati alla base fradici e con le barche mal messe – ha concluso Cacciari – ma soddisfatti perché il risultato l’abbiamo ottenuto, il nostro dissenso ventennale è stato sentito da tutti. Speravano di spegnere le voci fuori dal coro, non ci sono riusciti”.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

  1. Evviva, “chi la dura la vince” .. forse Venezia riprenderà una nuova vita migliore per tutti anche a sostegno del delicato sistema ecologico lagunare. Basta grandi navi e via-vai inutili anche di piccole imbarcazioni turistiche che risultano troppe numerose e troppo spesso sfrecciano velocissime verso dove poi??

Please enter your comment!
Please enter your name here