venerdì 21 Gennaio 2022
7.4 C
Venezia

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

HomeLettereMose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

mose progetto da bloccare lettere 110120

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare.

A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all’agressività dei micro organismi lagunari, non potrà sfuggire che il test eseguito alla presenza del Sindaco Brugnaro è sembrata una rappresentazione farsesca.

Non è stata coinvolta la struttura posizionata a PUNTA SABBIONI, tra Lido e Treporti, verosimilmente bloccata sul fondo da incrostazioni, ma quella sita sulla bocca di Malamocco, con una serie di paratoie, nuove di pacca, sollevate con grande successo e apprensione.

Siamo qui a gridare basta! Italiani basta!
Come gridavano i soldati austriaci, nel film “Uomini Contro” di Rosi, ai soldati italiani quando venivano mandati a morire, protetti da armature anti proiettile, ideate dall’ing. Farina Ferruccio, probabilmente della stessa scuola di ingegneria italiana.

Siamo imbarazzati dalla pochezza tecnologica del nostro paese, senza parlare di quella morale!

Cordialmente.

Pietro Del Maschio

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

11 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Inoltre, con l’attuale crescita del livello dei mari, il Mosè sarà completamente obsoleto, inutile e pericoloso…immaginatevi se si dovesse staccare una paratia, o parte di essa, corrosa dalla ruggine, magari a novembre, con la marea al massimo, spinta dalla forza della corrente o dal vento dentro la laguna…

  2. Servito solo per il solito magna magna, se ci fosse un po’ di giustizia in questo Paese lo si farebbe disfare a coloro che l’hanno fatto costruire (con materiali scarsi) pur sapendo che non avrebbe mai funzionato e che comunque c’erano alternative meno invasive, ad esempio il ripristino dell’antico confine della laguna

  3. Non capisco cosa c’è da commentare, l Italia, non si è fatta sfuggire l’ennesima occasione per fare la sua puntuale figura di m…… Il mare mangerà quella struttura sommersa. In Italia parlano in troppi, ogni volta che c’è da fare un semplice buco, scattano animalisti, ambientalisti, ecologisti, naturalisti, ecc, ecc. l’Italia con quella struttura ha messo una palla al piede a tutti i contribuenti, vedrete negli anni i costi di manutenzione x una struttura sommersa.

  4. Il Mose sembra far parte delle “idee non pensate”, cioè non strutturate, non industrializzate. I costi sono impossibili da immaginare tanto sono alti. Spero di sbagliarmi, ma mi fa pensare a un auto che viaggia solo utilizzando un costosissimo whisky scozzese.

  5. Studiato solo con l intento di spendere più soldi possibile, onde foraggiare la malavita organizzata.. le nostre tasse servono per mantenere la mafia.

  6. Non si possono spendere 6 miliardi di euro e poi dire che il Mosè è un opera da.. bloccare! Lo trovo contrario a logica e buon senso. Il Mosè a completato, mantenuto e messo in condizioni di funzionare. E la gestione va data al Comune di Venezia, non va lasciata a Roma.

  7. Riflessione semplice ma cruda dove i grandi soloni/baroni delle grandi opere dimostrano la loro TOTALE ESTRANEITA DALLA Realtà ma pensano e lottano per tenersi stretti i loro interessi personal/famigliari e di bottega

  8. Gli oppositori del Mose hanno sempre avvertito che
    l’opera, al netto della corruzione che si è portato dietro, avrebbe sconvolto il delicato equilibrio della laguna. Senza considerare che ,qualora funzionasse ,i costi di manutenzione sarebbero proibitivi!

  9. Non sono un tecnico, ma il mose mi ha sempre fatto venire in mente il film “amici miei” quando Tognazzi con gli amici raddrizzavano la torre di Pisa con grande professionalità e impegno… sopratutto nel dirottare il traffico… italiani!
    Penso inoltre che dia un suo pur modesto contributo all’acqua alta essendo che quando è a riposo non fa volume mentre se non ho capito male, per alzarsi si deve svuotare del corrispondente suo volume di acqua…!?!

  10. Lo dicevo sul Gazzettino e su Nuova Venezia piu’ di 20 anni fa in sintonia con Cacciari e Bettin. Ora non resta che salvare il salvabile per non perdere la faccia. Arnaldo De Porti. Giornalista Belluno Feltre

  11. L’idea e il progetto originari tesi ad inseguire un sogno secolare si sono trasformati nell’ incubo di un traguardo palesemente irraggiungibile. Venezia e i veneziani si rassegnino ad un decadimento inesorabile se non vengono sorretti da uno straordinario e umile sforzo di ripensamento globale per rimediare a decenni di smodata presunzione e folle consumismo affaristico autodistruttivo con cui si e’ voluto far convivere negli stessi fragilissimi canali le antiche gondole con le futuristiche meganavi da crociera.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...