giovedì 20 Gennaio 2022
4.3 C
Venezia

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

HomeBiennale di Venezia"Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: 'Ma non è tutto Biennale?' "

L’articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto.
Abito in una laterale di via Garibaldi, a Castello, e ho un magazzino, non molto grande, vicino alla mia porta.
Un paio di giorni fa sono scesa perché dovevo cercare qualcosa in magazzino e magari riordinarlo un po’. Ho aperto con le chiavi ed ho lasciato la porta aperta per far girare l’aria.
Mi sono avvicinata agli scaffali ove riponiamo il materiale che abbiamo depositato ed ho cominciato a guardare tra le mie cose.
Sentivo dei rumori alle mie spalle ma credevo che venissero dalla strada attraverso la porta aperta.

Dopo un paio di minuti mi sono voltata ed ho preso un bello spavento! Dietro di me una coppia di giovani, lui mi stava fotografando e lei stava fotografando l’ambiente con il telefonino!
Ho fatto un urlo! Loro, che non parlavano italiano, si sono scusati (credo) dicendo che hanno visto la porta aperta e sono entrati.
Ho gridato che non si entra così nelle case degli altri e loro hanno cercato di farmi capire che erano sicuri che fosse un locale della Biennale, dato che la Biennale è ovunque in zona!

Ma come ci siamo ridotti??
Qui siamo circondati da persone che comprano un biglietto e con quello sono convinti di poter visitare ogni luogo di Venezia. Come se fosse davvero tutto un’esposizione!
Come se noi stessi fossimo parte di una recita, di una esposizione!
Ma volete far capire o ribadire che questa è una città e che ci sono persone che ci abitano e che vanno rispettate!?!

Abbiamo capito che se non ci fossero i residenti sarebbe ancora più facile fare i vostri affari, ma qui stiamo travalicando ogni regola, sia legale che di buonsenso. Con la complicità del comune che permette l’apertura di decine di bar e ristoranti. Ormai è solo turisti e plateatici ovunque che pensano sia tutto da visitare!
Addirittura lasciate che si formi la convinzione che i vostri visitatori possano entrare dappertutto, senza curarvi di far distinguere i luoghi dei privati cittadini! Gli spazi per i visitatori sono ormai talmente estesi che non esistono segnaletiche delimitanti o delucidazioni.

E’ una vergogna che abbiate ridotto così anche questa zona fino a 3-4 anni fa popolata di veneziani che potevano vivere dignitosamente. Ora non più.

lettera firmata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

14 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Superato il limite! Alt, basta, stop!
    Turisti fuori dalle scatole!
    TUTTI!
    Altro che tassa disbarco, astutamente rinviata a dopo le elezioni, al “duemila e chissà quando”!
    Venezia torni ai Veneziani.
    Tutta e solo per loro.
    I soldi dei turistiai furbi, i disagi e i costi ai cittadini? Eh no, c’è un limite, ed è stato superato!

    Chi è d’accrodo, proponga una lista civica alle prossime elezioni! Io ci sto, e firmo subito.
    Attendo la proposta.

    Parola d’onore.
    Prof. Fabio Mozzatto.
    Veneziano “D.O.C.”

  2. Chissà che lavoro fa la proprietaria del magazzino. Sarei pronto a scommettere che viva di turismo, come gran parte dei veneziani. Solita storia: quanto fastidio ci danno questi turisti che ci mantengono da generazioni.

  3. Buona sera, settimana scorsa sono stata a Venezia per visitare la biennale e girando per la città ho notato l’insofferenza dei Veneziani per i turisti, mi ha fatto sorridere comprendendone il disagio. Poi su un vaporetto un anziano signore veneziano doc mi ha spiegato che se Venezia affonderà sarà solo colpa dei veneziani che, per esempio sulla questione delle grandi navi non fanno nulla perché dal loro passaggio incassano ingenti somme di denaro. Come si suol dire “non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca”.

  4. Scambiare un magazzino per una sala della biennale fa pensare che se le bevono tutte basta la parola Biennale che è subito arte . Mi dispiace per lo spavento della signora, ma io farei vedere il magazino da Sgarbi… Non si sa mai

  5. Stanno distruggendo il tessuto sociale di una città io comincio a odiarli i turisti non riesco neanche più a fare una passeggiata per la mia città a salire in vaporetto, bisogna andare via in fila indiana senza poter fare due chiacchiere con la persona che è con te ecc.. non si può continuare così

    • Sono Veneta anch’io, non veneziana ma montanara…x anni i veneziani sono venuti tra i miei Monti lasciando sacchetti di immondizia, rubando la verdura negli orti, raccogliendo funghi senza permesso…. Ora c’è più rispetto, ma siamo stati noi montanari per primi a volerlo e a insegnarlo. Chi se non i vostri amministratori locali può fare si che le cose cambino? Il turismo è uguale guadagno, il turismo responsabile è opera anche vostra… Vigilate e insegnate, e soprattutto non lasciate che svendano la vostra stupenda città.

      • Cara signora il paragone sarebbe accettabile se fosse equiparabile.
        Mi spiego meglio.
        I veneziani del centro storico sono circa 50.000
        i turisti che entrano in citta TUTTI I GIORNI sono almeno 70.000 con punte di oltre 100.000.
        Il veneziano non può pensare di riuscire ad “educare” un turismo così invasivo.
        Sempre se il termine “turismo” può essere ancora usato in una situazine di questo tipo. Assume sempre più i connotati di una giornaliera occupazione di una città.
        Povera Venezia… sempre più fragile e sfruttata.
        Certo!, è compito dei legislatori mettere i paletti.

    • Si…i quarantamila che alla sera rientrano dall’insula madre in terraferma e che pure loro si chiamano veneziani ah ah

      • Siete stati voi veneziani a permettere questo scempio.
        Vogliamo parlare delle.grandi navi?
        Un veneziano mi ha detto che portano 15000 posti di lavoro /anno.
        Avete controllato quanto costano le crociere?
        Un minimo di buonsenso. Tornare indietro è poi difficile.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...