4.2 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Medici di Base pronti al braccio di ferro con la Regione Veneto

HomeSaluteMedici di Base pronti al braccio di ferro con la Regione Veneto
la notizia dopo la pubblicità

Tosiani rispondono a Valdegamberi: "Cos'ha fatto lui in Regione?"

È ritornato alla resa dei conti il problema Sanità con un Consiglio regionale straordinario richiesto dalla minoranza che lo ha introdotto con una mozione presentata dal consigliere Bruno Picozzo del Partito Democratico, spenta con 25 voti contrari e 21 favorevoli.

Il testo della mozione sollecitava il governatore Luca Zaia e la sua Giunta ad acconsentire alle richieste dei medici di base che già hanno annunciato una solida protesta, che potrebbe vederli scendere in campo e rivendicare, con uno sciopero, quelli che considerano diritti violati nei confronti della categoria e dei cittadini.

L’agitazione è iniziata a settembre per sensibilizzare la Giunta e sollecitare la presa di coscienza verso i problemi irrisolti, con 28 giorni di protesta e prevede il blocco dell’invio della ricetta telematica, per giungere alla chiusura degli ambulatori.

Tante e ben individuate le questioni che il Piano sociosanitario non ha attuato, né accolto, a giudizio dell’opposizione in Consiglio.

Il testo bocciato richiedeva la garanzia delle cure palliative per 24 ore giornaliere, lo sblocco delle Medicine di gruppo integrate, ferme da febbraio, l’attuazione di tutti i 3038 posti letto e quindi l’inclusione dei 1263 mancanti, il consolidamento delle Unità riabilitative territoriali e degli Hospice per pazienti terminali. E altre questioni strettamente tecniche e telematiche da attuare, quali la ricetta elettronica e il fascicolo sanitario. 

Medicina preventiva, cura, territorialità e ricoveri ospedalieri, da anni sono all’attenzione della regione e anche se l’ultimo Piano sociosanitario privilegia nel testo la cura territoriale (anche per ragioni strettamente economiche, un posto letto costa oltre 600 euro giornaliero a fronte dei 150 territoriali), le Medicine di gruppo Integrate sono solo 55, nonostante il Piano ne prevedesse 86. E quel che dovrà in ogni caso spiegare la Giunta, è la destinazione e l’uso dei proventi della chiusura di 1212 posti ospedalieri.

Delusione anche per le strutture intermedie non realizzate per dare una risposta alla cronicità, sono decine di migliaia le famiglie che curano in casa un anziano o un disabile, dovrebbero essere aiutate e supportate, proprio da quelle strutture che potrebbero accogliere le specifiche fragilità decongestionare e alleviare la fatica di chi si fa carico dell’assistenza e confortare il paziente con cure e situazioni ambientali socio riabilitative.

L’assessore alla sanità Lucio Coletto, si è dichiarato favorevole alla Medicina di gruppo integrata, ha promesso una delibera che prevede 883 posti territoriali, Urt, Hospice e ospedali di comunità e altri 380 entro il 2018, non mancando di sollecitare in ogni caso una rivisitazione generale.

I medici di famiglia rimangono poco convinti e intendono rivolgersi al Direttore generale della sanità Domenico Mantoan, per ribadire tutti quegli aspetti che il Consiglio regionale ha respinto e nel contempo rivendicare il diritto allo sciopero, qualora le indicazioni e i problemi sottesi, non ricevessero la dovuta attenzione. Non cercano lo scontro e hanno a cuore i loro pazienti, ma proprio per questa ragione rivendicano l’attuazione di una politica sanitaria rispettosa di una comunità che si rivolge al settore sociosanitario, esprimendo un bisogno di salute che non può essere ulteriormente disatteso.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...