domenica 16 Gennaio 2022
2.4 C
Venezia

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

HomeMedicina"Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo". Lettere

E’ convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso!
Nell’ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo “laico” che ha dell’incredibile.
Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l’HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido contro il morbo di Alzheimer; nessuna cura definitiva contro il tumore in 100 anni di studio.
Poi, all’improvviso, un misterioso virus, non è chiaro se “scappato” da un pipistrello, da un pangolino o da un laboratorio, decide di godersi le vacanze facendosi ospitare nei polmoni degli umani.
Gli ospitanti all’inizio nicchiano e molti ci rimettono la pelle.
Stanchi dell’enigmatico esserino, gli infastiditi umani, chiedono ai garanti della loro salute, vale a dire le cosiddette Big Pharma, di neutralizzare lo sgradito intruso.
Il miracolo laico è subitaneo: nel giro di tre mesi, ben 4 aziende farmaceutiche, non trovano nessuna cura o terapia, ma in compenso sfornano un vaccino acclamato dalle folle il nuovo messia, il redentore dell’umanità!

Poco importa che i vaccini abbiano bisogno di almeno 5 anni di sperimentazione, l’importante è che le folle panicate abbiano un totem o un oppio in cui credere.

Gianni Toffali
Verona

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

20 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. State facendo finta di non capire: qua non si dice se le malattie sono più o meno derivate dai virus,
    bensì si mette in discussione la ricerca scientifica:
    questa volta in qualche mese i risultati sono arrivati…
    altre volte si fanno ricerche che durano da anni e non arriva la cura…
    come diceva Beppe Grillo vent’anni fa: il ricercatore va a lavorare ogni mattina e guarda dentro il microscopio,
    “Ma che ca… guardi dopo 10 anni…?”

    • Scusami ma la ricerca e le implementazione di soluzioni non funzionano in questo modo, non si guarda solo dentro a un microscopio come dice ‘l’illustre’, le modalità sono molto diverse…e poi non credete che un vaccino di queste importanti malattie avrebbe un vantaggio economico enorme per chi le inventa? Ah no forse pensate che le cure siano più redditizie del vaccino, e allora perché il vaccino per il covid? Forse una cura sarebbe stata più redditizia…
      Caro Beppe, credo sia alquanto inopportuno fare della ricerca scientifica un unico contenitore in cui ogni risultato ha tempi tutti uguali, sicuramente dietro questo virus girano miliardi ma questo non lo rende più o meno risolutivo di un grosso problema che stiamo vivendo, i farmaci sono business come tutti gli aspetti della vita che ci circondano, ma questo dovrebbe consigliare di non farne uso? Dico solo che abbiamo visto schizzare verso l’alto la nostra aspettativa di vita e questo grazie anche alla medicina

  2. Articolo tendenzioso e con lacune scientifiche…sono malattie generate da fattori differenti, virus, fattori genetici e cause sconosciute e non si possono minimamente confrontare.
    I coronavirus sono conosciuti dalla influenza spagnola e sono oggetto di ricerche da allora, la stessa SARS appartiene alla stessa famiglia. I tumori hanno molteplici cause ( fumo, alcool, sostanze cancerose, batteri e in alcuni casi anche virus ) e per la cronaca il vaccino del papilloma virus esiste, e il papilloma è responsabile dei tumori all’utero…
    Per quanto riguarda la ricerca scientifica ho sentito un paragone analogo: se la meccanica avesse fatto gli stessi progressi dell’elettronica oggi faremo il giro del mondo con una goccia di benzina ( attribuendo la responsabile alle 7 sorelle ) peccato che ci sia la fisica di mezzo…
    Inoltre ci sono in sperimentazione vaccini contro l’HIV peccato che per sperimentare l’efficacia si dovrebbe mettere il paziente a contatto diretto con il virus e non aspettare che si infetti in qualche modo…
    Capisco i timori di una vaccinazione di questo tipo, ma l’emergenza è emergenza ed è una responsabilità di tutti preservare se stessi e gli altri contro un virus che ha fatto molti morti e debilitati ( ho avuto esperienze dirette)

    • Buongiorno Bob. Grazie della precisazione.
      Dobbiamo solo correggerla in una cosa: non si tratta di un articolo più o meno tendenzioso, ma del punto di vista di un lettore espresso per mezzo delle ‘lettere al giornale’.
      Cordialità
      La redazione

  3. come minimo ha sbagliato i confronti: ne l’Alzheimer ne i tumori sono provocati da virus… con queste premesse, è inutile commentare il resto del “ragionamento”

    • ha molto senso invece, lascia stare i presupposti della malattia, guarda invece alle scoperte scientifiche, non puoi non porti la domanda. Qualche piccolo progresso, ma mai l’invenzione per debellare definitivamente.
      Ti faccio una domanda: non sarà più conveniente per una casa farmaceutica vendere dosi (ad esempio) di chemio per mesi, anni, curare una recidiva, ecc anche a costo di perdere un paziente, che non commercializzare un vaccino che faccia sparire un tipo di tumore?

  4. Per capire cosa abbia determinato il “Miracolo” basta seguire la pista della convenienza economica nella propinazione della vaccinazioni . Conviene vaccinare decine di milioni di persone o curare efficacemente chi si ammala (e sono moltissimi di meno …) ?
    Meglio lasciare morire gli ammalati nell’ immediatezza e garantirsi profitti stellari con i vaccini !!!

  5. Ho letto la notizia che YouTube ha censurato il Premio Nobel per la medicina Luc Montagnier ( Premio Nobel per la Medicina, 2008 ) perchè ha esternato la sua disapprovazione per la somministrazione ai ragazzi di vaccini a tecnologia mRna (come Pfizer e Moderna) i quali, potrebbero provocare la trasformazione della proteica base Spike in un prione, e causare danni gravi e irreversibili, al cervello! Se è vero c’è da riflettere eccome. E dell’ìdea di qualche commissario per emergenza coronavirus di impedire viaggi, concerti, stadio, ristorante e altre attività per convincere (o meglio ricattare) i giovani a vaccinarsi? Il vaccino rende liberi?

    • Scusa ma hai letto il curriculum di Montagner? Dopo il nobel per una ricerca dell’85 ha avuto una deriva che ha poco di scientifico….

  6. Finalmente un’opinione intelligente! È scioccante quanta gente non si fa più domande. Sono sollevata di sapere che non tutti a Venezia sono delle pecore. SVEGLIATEVI E FATE UNA VERA RICERCA. Non dipendere da i media. Andate a leggere gli studi nei laboratori e la ricerca scientifica. Vedrete come sono finiti tutti gli animali su cui hanno sperimentato questo vaccino. Andate su i siti di Pfizer e Moderna e informatevi bene sulle sostanze dentro questi medicinali, e come funzionano. Smettetela di categorizzare la gente come “no-vaxx” perché è assurdo. Tanti medici, scienziati e cittadini sono stati vaccinati contro altre malattie e non hanno niente contro i vaccini, ma se mettono in dubbio questo “vaccino” vengono chiamati “no-vaxx” dalle pecore ignoranti. Questo “vaccino” non è un vaccino. In più, è giusto essere scettici per qualcosa di sperimentale.

  7. nutro più fiducia nei virus che negli esseri umani quanto a una naturale e innata attitudine a preservare l’umanita’

    • Anch’io nutro fiducia nei virus, aspettiamo anni che si propaghi per bene il virus distruggendo economie e società poi prendiamo con il cucchiaio quel che resta….la spagnola ha fatto 50 milioni di morti in un’epoca in cui non si viaggiava come oggi…

    • Buongiorno, il sig. Toffali è un lettore.
      “lettere” significa “lettere al giornale”.
      Il giornale da spazio a tutte le opinioni nell’ambito della civile discussione.
      Distinti saluti.
      La redazione

  8. Più che altro appena ripartiranno contagi e morti saremo senza tutele vista la fretta e il desiderio di ascoltare Confindustria e grandi imprese nel voler togliere tutto.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...