17.9 C
Venezia
sabato 18 Settembre 2021

LUIGI PREITI DIMESSO | Perchè ha sparato? Carabiniere sempre grave

HomeNotizie NazionaliLUIGI PREITI DIMESSO | Perchè ha sparato? Carabiniere sempre grave

NOTIZIE ITALIANE | Luigi Preiti, l'uomo che questa mattina senza alcun motivo apparente ha sparato a due carabinieri davanti palazzo Chigi nel momento in cui il nuovo governo prestava giuramento, è stato dimesso dall'ospedale San Giovanni, dove era stato accompagnato per le ferite riportate nella sparatoria.
Luigi Preiti è stato ora portato in una sede -non meglio precisata- del reparto operativo dei carabinieri. L'uomo dovrà  essere interrogato ancora dai militari poi, presumibilmente, verrà  trasferito in carcere o in una struttura sanitaria per detenuti, a seconda si quanto emergerà  negli interrogatori. Perchè Luigi Preiti ha sparato? Troppo oscure ancora le ombre su quel gesto che apparentemente appartiene ad un momento di follia, troppo sorridentequel ghigno durante l'arresto quando le forze dell'ordine lo hanno immobilizzato per terra.
Nel frattempo si è saputo che la condizione del carabiniere ferito in maniera più grave è stazionaria, pur nella sua gravità . I medici hanno parlato di 'danno midollare importante'.
Questo il bollettino dei sanitari di pochi minuti fa sullo stato del carabiniere ferito:
“Il paziente a seguito degli accertamenti eseguiti che hanno confermato un interessamento importante del midollo spinale, è stato sottoposto a intervento neuro chirurgico d'urgenza di laminectomia decompressiva (c4-c6) e asportazione dei frammenti ossei. La prognosi rimane riservata per 72 ore quoad vitam. Il paziente ha subito un danno midollare importante i cui esiti saranno valutati successivamente. Il paziente è ora ricoverato in terapia intensiva neurochirurgica”.
Luigi Preiti deve dire perchè ha sparato.

Mario Nascimbeni
[redazione@lavocedivenezia.it]

Riproduzione Vietata
[28/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor