31.4 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

L’Inter non segna, inutile prendersela con i rigori non dati

HomeCalcioL'Inter non segna, inutile prendersela con i rigori non dati

inter non segna mazzarri mangia bottiglietta

L’argomento rigori non dati ritorna prepotentemente in scena al 90simo del match con l’Udinese, ma è pur anche vero che per avere un rigore in area bisogna andare, direbbe Boskov, e ieri sera l’Inter in area avversaria c’è andata poco. Ma molto poco.

L’Inter alla seconda partita in casa raccoglie solo un punto, quello di questo pareggio con l’Udinese dopo la sconfitta di domenica con l’Atalanta. Troppo poco un punto su sei in casa da una squadra che vuole il quarto posto e sotto sotto ambiva al terzo fino a poco tempo fa.

L’Inter non segna, e la prova è davanti agli occhi di Thohir, a conferma delle difficoltà offensive dei nerazzurri nelle partite in casa: sei gol nelle ultime otto gare interne. Hai voglia, come dice Mazzarri, di pensare che si tratta «di un’annata particolare» e di «palloni che non vogliono saperne di entrare».

L’Udinese ha interpretato la partita in maniera quasi perfetta, sapendo soffrire quando è stato necessario, e ripartire quando serviva. Così per ora i nerazzurri sono al quinto posto, mentre l’arrivo di Thohir fa sì che si parli molto di futuro e poco di presente, ma è un grave errore: il posto in Europa è tutt’altro che scontato.

L’Inter non segna abbastanza e contro l’Udinese ha confermato di non avere nemmeno la più pallida idea di come si deve o almeno si dovrebbe giocare contro una squadra organizzatissima in fase difensiva come i bianconeri. Guidolin ha scelto la soluzione dell’uno contro uno, marcature precise in ogni parte del campo, movimenti studiati benissimo, e questo ha prodotto un inevitabile vantaggio: campo coperto in modo perfetto con una squadra che non è stata costretta a correre troppo.

La squadra di Mazzarri è mancata di nuovo di tutto quello che le si rinfaccia da tempo: grinta, precisione, ritmi alti, fantasia, capacità di saltare l’avversario e di variare il tema: Tra domenica e giovedì si saranno visti 60 cross dalle fasce, ma mai nessuno che la prende di testa. Che schema sarà?
La squadra non è riuscita a creare nemmeno qualcosa di assimilabile a una palla-gol, inoltre sfrutta malissimo anche le punizioni con Guarin che pare diventato inguardabile.

L’Inter non segna, ma non c’entrano i rigori non dati: Hertaux al 45’ è vero che ha rischiato il penalty, con il braccio sinistro in area su Palacio, ma questi rigori all’Inter non li danno, come deve aver saputo anche Gervasoni.

C’è da sperare ora che Hernades, ultimo arrivato che ha portato un po’ di brillantezza e dinamismo, non si spenga anche lui in quel mare di svogliatezza che richiede trenta passaggi per arrivare vicino al limite dell’area.

Roberto Dal Maschio

[28/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.