COMMENTA QUESTO FATTO
 

Ladri in aumento a Natale anche a Venezia. Come prevenire

Difficile dire con certezza chi siano o sono i borseggiatori. Quel che è certo e succede tutti i giorni è che il numero dei furti, aumenta e preoccupa. La polizia, i carabinieri, i vigili urbani, sono continuamente richiamati in soccorso di chi all’improvviso scopre di essere stato derubato: al mercato di Venezia e Mestre, nelle stazioni ferroviarie, sugli imbarcaderi e sui mezzi di trasporto, o semplicemente per strada, mentre si va a fare la spesa.

Impossibile sapere con certezza chi siano i borseggiatori, di loro si sa che sono ladri, si dice anche donne e molto giovani, verso i quali è necessario attrezzarsi per prevenire non solo i furti, ma anche i malori, il malessere che vive chi viene colpito materialmente e moralmente.

In queste giornate sono stati numerosi i ladri in azione e hanno coinvolto sempre più le persone anziane, o distratte, o in buonafede, che si trovano all’improvviso, spiazzate nel constatare che la borsa o il portafogli sono improvvisamente spariti. Dentro, c’è spesso parte della pensione, qualche decina di euro per le spese del pranzo della vigilia e per i regali ai figli, ai nipoti con quel po’ di tredicesima tradita.

Poi la denuncia, dover cambiare la serratura di casa, recarsi all’Actv per la copia dell’abbonamento, al Comune a rifare la carta d’identità, all’Usl per richiedere un nuovo tesserino sanitario, alle Poste a rifare il bancomat che subito è stato bloccato e spesso a fine giornata dal medico, a causa dello stress che i malviventi hanno offerto alla vita quotidiana in queste giornate che precedono il Natale.

La polizia raccomanda di essere vigili e allo scopo insiste sul rispetto di quel decalogo, indispensabile, se si vuole evitare di essere derubati e i consigli a cittadini e turisti vanno a sollecitare una attenzione in più quando ci si trova in posti affollati, nel salire e scendere dai mezzi di trasporto.

E poi ancora attenzione alle spinte, agli urti che sembrano involontari, invece spesso chi preme ha un complice che si occupa della borsa o del portafoglio, porre in posti diversi i soldi e i documenti (meglio su tasche interne al cappotto). E sempre raccomandano di rivolgersi alla Polizia in caso di furto. E denunciare.

Andreina Corso

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here