La Giustizia che uccide

Qual è il nefasto “fil noir” tra l’ira di Trump per la moratoria delle condanne a morte in California e le 148 frustate ed i 38 anni di carcere inflitte dalla “giustizia” iraniana a Nasrin Sotoudeh, donna e avvocato, colpevole d’ aver difeso in giudizio altre donne che non rispettarono l’ obbligo di indossare l’hijab, ed altri simili arcaici e ciechi obblighi di legge?

“Nulla, nulla: non vorrai paragonarla ai delinquenti che negli USA rapinarono, uccisero, stuprarono, sodomizzarono e perciò furono condannati a morte dalla “giustizia” degli States!”

No, certamente no: è incolmabile l’abisso tra quel fanatismo religioso e quei gravissimi reati che, è comprensibile, condivisibile, empatico, accendono lo sdegno di Trump contro Gavin Newsom governatore della California, che ha decretato quella moratoria: riguarda 737 detenuti rinchiusi in quelle prigioni, in attesa che come da sentenza la “giustizia” li uccida.

ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000

Ecco il “fil noir”: la “giustizia” che tale non è. Non posso dimenticare la nostra Costituzione: le pene devono tendere alle rieducazione del condannato (art. 27). Certo, vale in Italia, non in Iran, non negli States, ma è la più bella del mondo, dice Benigni: condivido.

Vorrei ricordare don Mazzolari (nostro fratello Giuda), ma non sono un buon cristiano. E allora cito Gandhi: “occhio per occhio, rende il mondo cieco.

E ricordo anche Amos Oz: “…la giustizia senza bontà significa macello, non giustizia. D’altro canto, la bontà senza la giustizia è cosa che forse va bene per Gesù, non per la gente comune, che ha assaggiato dall’albero della cattiveria.” (Oz, Una storia di amore e di tenebra, pag. 204, Feltrinelli Ed.)

Ma chi non sa, sappia: David Klausner e il suo bimbo Daniel, di tre anni, amatissimi zio e nipote di Amos Oz, furono uccisi a Vilna dai nazisti invasori a caccia di ebrei. Eppure Oz, ebreo non cristiano, scrive: “…la giustizia senza bontà significa macello.”

PAOLO ANGELO NAPOLI
Bovezzo (Bs)

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here